Il fascino dello sconsacrato

Di sicuro uno dei posti più affascinanti e misteriosi dove passare del tempo e uno di quei luoghi che un tempo erano dedicati al culto religioso del trapasso delle anime e che oggi hanno assunto altre vesti.

La rotonda della Besana, è un ex chiesa sconsacrata che con il suo giardino, veniva utilizzata per la sepoltura, la sua storia come cimitero inizia nel 1863 divenendo in seguito prima magazzino militare,
poi scuderia, reparto di isolamento per le malattie contaggiose e infine lavanderia.
Solo nella metà del 900 ci si rende conto della potenza architettonica della chiesa e del giardino che lo circonda e si inizia a pensarlo come luogo da inserire nelle guide turistiche.

Situato alle spalle del Duomo, la chiesa è un edificio a croce greca, sormontata da una cupola ottogonale e circondato da un giardino, delimitato da ondeggianti mure colonnate, in cui sono disposte singolari sculture.

La prima volta che andai alla Rotonda, in filodiffusione si sentiva “Tutti morimmo a stento”, retrospettiva dedicata a De Andrè, e quale migliore colonna sonora potevo aspettarmi?
Questa che vedete nella galleria sotto è invece, una retrospettiva dedicata ad Anish Kapoor, specchi dagli effetti strani che suscitano “Spaesamenti percettivi” come li definisce lo stesso artista.

Il calendario offre importanti retrospettive e collaborazioni, il mio consiglio per godere a pieno di questo posto è un pic nic nel giardino e poi visita alla mostra in corso.

written by madda_lena on 2011-09-12 #places #location #milano #museo #mostra #art-and-culture #rotonda-della-besana

More Interesting Articles