Quando fotografia è anche un po' magia: Metrimantico

C’era una volta… un bambino molto attivo e spericolato, poi un giorno mi misero un freno “rinchiudendomi” in un collegio benedettino, oggi devo solo dire grazie ai miei genitori per avermi fatto questo regalo. Le emozioni sono rinchiuse in un cassetto segreto che mi porterò per sempre dietro.

… poi, un dì hai scoperto la fotografia… come?
Mio padre aveva una olympus xa e cercava di spiegarmi il funzionamento, ma io capivo al massimo la messa a fuoco, dopo tanti anni ho ricercato quella macchinetta comprandola in internet. Quando a firenze, per una visita, vidi le vetrine dei fotografi con l’esposizione delle belle reflex io mi sono detto che un giorno ne avrei posseduta qualcuna. Successivamente all’età di 15 anni iniziai l’istituto statale d’arte in fotografia e grafica pubblicitaria…e il cammino e’ andato avanti!

Cos’ ha cambiato lomography nel tuo modo di vedere la fotografia?
Sicuramente è stato un vantaggio per la visibilità delle mie foto e poi un incentivo a scattare foto, cosa che non mi riesce tanto di frequente, per scattare devo essere avvolto da una sensazione di rapporto privato e spesso mi sento troppo osservato. Probabilmente ero già lomografo nello stile senza saperlo e senza conoscere la mitica lc-a.

Macchina foto è uguale a…?
Un’estensione del corpo. Cosa significa per te tenere in mano una macchina fotografica? Mi sento padrone di un corpo esterno al mio con il piacere di fargli fare ciò che dico io.

In che mood sei di solito quando riesci ad esprimerti al meglio attraverso gli scatti?
Sono entusiasta ed energico, mi fa ricordare i bei pomeriggi d’estate sul terrazzo di mia nonna al mare, quando giocavo con le mie cugine a fare i circensi.

Dire wow davanti ad una foto. Cosa ti fa reagire?
La bellezza di un panorama o un’esplosione di colori di un’opera d’arte evidenziati dalla bravura del fotografo e dalla qualità della pellicola.

Quali esperienze ti hanno “cresciuto” a livello fotografico?
Per un’estate intera ho frequentato un corso di fotografia come uditore, era riservato a giovani diplomati e la cosa per me era molto interessante perché ero un giovanissimo ragazzo che doveva prendere il diploma nei successivi 5 anni. Quindi quando mi sono ritrovato nell’istituto d’arte ho cercato di approfondire di più. Ho seguito diversi corsi in seguito tra accademie e corsi regionali ma l’esperienza più interessante è stata quella di sei mesi presso una scuola di fotografia di bruxelles. E da quanti anni sei lomografo? Dovrei avere qualche schermata del vecchio sito dove nelle lomohome era evidenziato il giorno di adesione. Se non erro era il 2006.

Da chi arriverebbe o è arrivato il commento/complimento più importante per te?
Se un giorno wim wenders mi potesse dire tanti complimenti mi potrei ritenere un uomo abbastanza soddisfatto.

Se la fotografia è arte, per te cosa rappresenta?
La fotografia è arte ma per esserlo deve esser fatta a regola d’arte, e la cosa non è tanto facile come sembra. E se fosse un libro, un film e una canzone, sarebbe…se fosse un libro sarebbe un’enciclopedia illustrata, se fosse un film sarebbe “professione reporter”, e se fosse una canzone sarebbe “cosa resterà degli anni ’80”.

Paesaggi o ritratti?
Attualmente rappresento più paesaggi che ritratti, relego comunque nei ritratti una valenza attrattiva in più.

Sei “analogico” perché?
Perchè di carattere sono lento e impreciso, e mi piace farmi assistere con la tecnologia analogica. Quando voglio essere veloce e preciso allora sono “digitale”.

Cosa ami di Lomography?
La grafica, il design, la comunità, le competitions, e i tipster.

Sei fiero di te quando…?
Sono libero di pensare e fare.

Non c’entra nulla, ma a colazione cosa mangi?
Attualmente faccio coincidere la colazione con il pranzo! :D

Nome vero: Giuseppe Valente
Nome da lomografo: metrimantico
Anni: 34
Segni particolari: poteri magici
Macchine preferite: yashica electro 35 gsn; lomo lc-a; olympus xa; nikon fm3a; lubitel 166

written by alessiab on 2011-06-27 #people #lomography #lomoamigo #fotografia #magia #users #bocca #interviste #metrimantico

Kickstarter

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

More Interesting Articles