Come Farsi Stampare In Cross Process Da E6 in C41 senza che il laboratorio brontoli!

3

Se sei stanco di mandare fuori o di sentirti brontolare dai laboratori circa il cross process E6, questo e’ quello che fa per te.

Più o meno tutti sanno che parecchi laboratori fanno storie o addirittura negano di fare il cross process, perchè semplicemente non lo sanno/fanno o per via della chimica. Ho sentito anche dire di persone che si sono fatte da sole il proprio marchio etichettato per il rullino. La combinazione di questi due pensieri hanno portato a questa subdola soluzione che funziona quasi sempre.

Quello di qui hai bisogno è:

  • Carta (preferibilmente lucida).
  • Natro biadesivo.
  • Una Stampante.

Ho misurato la dimensione della etichetta del rullino, e quindi utilizzando questi dati, ho aperto un nuovo file in photoshop e tentato di fare un’etichetta che non fosse troppo diversa da quelle delle FUJI (avendo cura di precisare che lo sviluppo fosse C41 e non E6). Poi ho stampato la nuova etichetta su carta patinata, ma prima di tagliare a misura, ho posto il nastro biadesivo nel retro della stampa. Questo è un modo pratico per fare la vostra carta personalizzata a basso costo! Ora tutto ciò che restava da fare era di rifinire il tutto. Credo sia abbastanza convincente!

Qui alcuni link per le etichette, se volete utilizzarle:

http://farm3.static.flickr.com/2738/4121858959_e74c00032d_o.jpg

Se il laboratorio dovesse fare domande, dite solo che un vostro amico ha caricato il film in un rullino fatto in casa per voi… e ve ne andate, cross processing a budget!

Go nuts!

written by minty on 2011-06-16 #gear #tutorials #slide #35mm #slide-film #e6 #tipster #xpro #cross-process #crossprocess #quickie-tipster
translated by weidong

3 Comments

  1. marant69
    marant69 ·

    Si certo!! Primo il caricatore dopo lo sviluppo non si autodistrugge e appena uscita la pellicola l'operatore si accorge immediatamente che era una diapositiva e lo controlla!! Secondo l'eventuale scusa della pellicola caricata in casa dall'amico non funziona primo perché un caricatore riutilizzabile ha caratteristiche costruttive diverse da un caricatore standard industriale (un buon operatore lo riconoscerebbe e te lo restituirebbe per un prossimo utilizzo) oppure se l'operazione fosse fatta su di un caricatore standard (cosa possibile) ci sarebbe la presenza di nastro adesivo (che il tuo rullino non ha) a confermarlo! Io consiglio per evitare brutte figure e se non peggio liti ( in un laboratorio il cliente non ha mai ragione :-) ) di richiedere esplicitamente di cross-processare e se ci viene negato per motivazioni legate alla preservazione della chimica, accettarlo e cercare un'altro laboratorio :-) e se non sanno che cos'è , cercare subito un' altro laboratorio!! ;-)

  2. pietrone
    pietrone ·

    Sembri proprio uno del mestiere!! :-)

  3. marant69
    marant69 ·

    Ciao Pietro! :-) Beh lo confesso ho qualche piccola esperienza nel settore "sviluppo e stampa"! ;-)
    Sempre più dura la vita dei fotolaboratori, adesso anche i taroccatori di rullini, ci mancavano! :-)

More Interesting Articles