Il grande libro della LOMO LC-A Capitolo 39: Per sempre LOMO LCA+

Appena sei mesi dopo la firma del contratto e dell’avvio dell’ingegneria in aprile del 2006, un record!, la prima LOMO LC-A+ era già nelle mani degli ingegneri cinesi: e funzionava! Ma questo era solo l’inizio: furono realizzati altri prototipi e inviati a Vienna.

Poi le fotocamere venivano testate in ogni genere di condizioni e posizioni. Ogni problema veniva registrato in un rapporto, da inviare in Cina in modo che si potessero apportare le ultime modifiche. Dopo altri sei mesi di test e di produzione, nel settembre 2006, vennero presentate e vendute in tutto il mondo le prime fotocamere LOMO LC-A+ cinesi, dotate del cuore trapiantato e prodotto in massa (= l’obiettivo Minitar 1). A partire dal giugno 2007, i cinesi hanno cominciato a produrre anche la lente Minitar 1 – e quindi si può scegliere tra una LOMO LC-A+ con lente russa ed una con lente cinese. È superfluo precisare che la nuova copia cinese della Minitar 1 è ormai parte della LOMO LC-A+ e che produce risultati simili al 98% a quelli dell’originale russo.
Ecco, questa è la storia della piccola fotocamera, che cominciò il suo viaggio a S. Pietroburgo, sulla scrivania di legno dell’ingegner Mikhail Grigorievich Kholomyansky. Continuò nella vastità senza fine dell’ex Unione Sovietica; segnò un pezzo di storia al penultimo Congresso del Partito Comunista; rischiò di scomparire; e alla fine si trovò per caso nella tasca dei pantaloni e nel cuore di un paio di tirolesi pieni di iniziativa che fondarono la Lomography. Attualmente, la piccola fotocamera viene prodotta da ingegneri cinesi, in base ai disegni originali russi; e la sua storia è finita qui, in questo libro.

Ma la Società Lomografica non è in pausa. Anche se la LOMO LC-A+ al momento è in pole position tra le fotocamere analogiche del 21-mo secolo, la spinta inarrestabile e gli ulteriori sviluppi della fotografia analogica non possono fermarsi – e al limite, questo è soltanto l’inizio, e ci porteranno molte nuove sorprese. Cosa riserva il futuro? Non sveliamo nulla … quel che è certo è che la valorosa LOMO LC-A continuerà ad avere un suo ruolo nella fotografia istantanea analogica. Noi lomografi non abbiamo alcun dubbio! Fino a che ci saranno appassionati di fotografia pieni di entusiasmo, creativi e ribelli, che amano questa piccola cosa e la sua storia straordinaria – come noi, la LOMO LC-A sopravviverà e la nostra avventura non avrà mai fine. Forza Lomo!

Eccovi il libro in tutta la sua gloria.

written by ungrumpy on 2011-02-25 #lc-a #library #lomography #biblioteca #brano #il-grande-libro-della-lc-a

The Lomogon 2.5/32 Art Lens lets you widen your world – yet it isn’t any wide-angle lens. Designed to electrify escapades great and small, it’s your ticket to the definitive Lomography aesthetic. Sweet saturation, high contrast, cutting-edge optical quality, unique bokeh, super-speedy aperture mechanism – the Lomogon is the ultimate Lomo eye on the world. Head over to Kickstarter now to discover everything you need to know about our latest invention, and save up to 40% on its final retail price with our amazing Kickstarter specials!

More Interesting Articles