Capitolo 26: Le modifiche tecniche alla Lomo LC-A

Uno dei risultati dei nuovi calcoli fu che la LOMO LC-A diventò di qualche grammo più leggera, perchè furono eliminate le parti che sarebbero servite per connettere degli accessori alla fotocamera. Per esempio, in una LOMO LC-A prodotta fino al 1997 avreste trovato due piccoli contatti sotto la fotocamera a destra, che servivano come interfaccia elettronica per l’attacco di un motore di avvolgimento.

Uno dei risultati dei nuovi calcoli fu che la LOMO LC-A diventò di qualche grammo più leggera, perchè furono eliminate le parti che sarebbero servite per connettere degli accessori alla fotocamera. Per esempio, in una LOMO LC-A prodotta fino al 1997 avreste trovato due piccoli contatti sotto la fotocamera a destra, che servivano come interfaccia elettronica per l’attacco di un motore di avvolgimento. Negli anni ottanta, i motori di avvolgimento erano accessori comuni delle fotocamere che venivano attaccati alla parte inferiore della fotocamere – servivano ad avvolgere automaticamente la pellicola, rendendo possibile scattare in rapida sequenza una serie di foto senza dover avvolgere manualmente la pellicola.

La ripresa della produzione comportò anche la rimozione dell’indicatore della distanza, accanto al mirino. In modelli precedenti della LOMO LCA, si poteva guardare attraverso il mirino e, mediante un indicatore, vedere la distanza di messa a fuoco impostata (0.8m, 1.5m, 3m o infinito). Ma dato che di rado un lomografo guarda attraverso il mirino, questa bella funzione, che era stata sviluppata dal calcolatore ottico Irina Sowz, venne rimossa nei nuovi modelli di LOMO LC-A.

Eccovi il libro in tutta la sua gloria.

written by ungrumpy on 2011-01-25 #lc-a #library #lc-a-big-book #lomography #biblioteca #storia
translated by eremigi

More Interesting Articles