Il genio di Vivian Maier

2

La comunità fotografica nelle ultime settimane è stata elettrizzata dalla scoperta di una partita di fotografie di strada mozzafiato degli anni 50. Se non ne avete mai sentito parlare prima, è per me un piacere presentarvi Vivian Maier.

Chiedete a chiunque e vi risponderà che street photography non significa andare a passeggio al parco. Catturare scene spontanee senza spaventare (o peggio) il soggetto è uno dei fattori principali di cui devi tenere conto ad ogni scatto. E poi c’è Vivian Maier che fino a poco tempo fa era un enigma. Ha saputo affascinare il mondo col il suo inconfondibile stile fotografico pregno di imperscrutabile profondità. E no, non era una fotoreporter professionista o un membro dello Studio Magnum. Era una tata.

Non si sa molto di vivian Maier. La storia comincia con John Maloof, un agente immobiliare incappato nel tesoro di Vivian mentre era ad un’asta di mobili e antiquariato. Non sapeva poi molto di cosa c’era in serbo per lui dentro una piccola scatola e a cosa lo avrebbe condotto.

Appena Maloof si imbattè nei 100.000 negativi di Vivian, realizzò il grande talento di lei. Prese alcune fotografie e fu completamente atterrito quando iniziò a confrontare alcuni suoi scatti con quelli di lei. "Per tutto il tempo confrontai il mio lavoro con quello di Vivian e pensai “Wow, questo non va affatto bene” Mi stava insegnado cosa fosse davvero la fotografia. ho comprato alcuni libri di fotografi come Harry Callahan, Henri Cartier-Bresson, Lee Friedlander. Pensai “lei è davvero speciale – possibile che nessuno lo sappia?” Al quel tempo googolare il suo nome mi portò un’unica traccia, un annuncio funebre."

Il desiderio bruciante di conoscere il passato di Vivian ha creato la base perchè il suo lavoro, e di conseguanza la sua storia, fosse nota al mondo intero. John, grazie all’aiuto di internet e di acute deduzioni, fu in grado di mettere insieme un piccolo frammento della sua vita che potete leggere in dettaglio qui.

Alcune informazioni sono contraddittorie. Altre sono dei soliti indizi. Ci sono dozzine di domande che cercano una risposta ma tristemente non ci sarà mai modo di rispondere. Non vi resta che godervi e farvi incantare dalle sue foto e considerarci fortunati di aver scoperto l’America di metà secolo attraverso il suo sguardo.

Visita la mostra dedicata ai suoi lavori:

Finding Vivian Maier: Chicago Street Photographer
Dates:
Jan 8, 2011 – Apr 3, 2011
Location:
Chicago Cultural Center
78 E. Washington St, Michigan Avenue Galleries
Chicago, IL 60602

written by cruzron on 2011-01-20 #news #medium-format #analogue #photography #tlr #news #vivian-maier
translated by sandman

Kickstarter

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

2 Comments

  1. sandman
    sandman ·

    andatevi a vedere il sito linkato alla fine perchè merita davvero, ci sono degli scatti incredibili

  2. alessiab
    alessiab ·

    vero!

More Interesting Articles