Capitolo 8: Tutta la verità sul Prof. Radionov

Questo brano è estratto dal “Lomo LC-A Big Book”. Altri capitoli sono in arrivo…

Il buon amico dei lomografi, il Professor Radionov, lomografo, lomografato da lomografi. Riposi in pace.

Torniamo al Professor Radionov dell’istituto LITMO che in realtà non ebbe nulla a che fare con la produzione o l’invenzione dell’obiettivo Minitar 1! Eppure, in molte pubblicazioni (incluse pubblicazioni lomografiche ufficiali), il nome di Radionov compare spesso in connessione con l’obiettivo Minitar 1. Come è successo? Nei primi anni novanta – su cui torneremo più tardi, in maggior dettaglio, i primi lomografi arrivarono a S.Pietroburgo per riavviare la produzione della LOMO LC-A, ormai fuori produzione. Contattarono un diplomatico russo di loro conoscenza, che a quel tempo lavorava alle Nazioni Unite a Vienna. Egli era amico del suddetto professore e gli presentò i lomografi.

Alcuni dei computer usati per i calcoli negli anni ottanta.

Parlando con in lomografi, l’allegro professore disse loro di aver inventato l’obiettivo Minitar 1. Al contempo, sparse la voce tra i suoi colleghi russi di aver scoperto la Lomografia e di aver suggerito ad alcuni viennesi di usare la LOMO LC-A come strumento lomografico. Volendo interpetrare la verità in senso lato, quell’astuto mascalzone di Radionov aveva solamente programmato il software che girava sui computer Minsk-32 della LOMO PLC. Si trattava di un programma per calcoli ottici che fu anche usato per il Minitar 1. Tuttavia, il buon professore diventò un buon amico dei lomografi e passò un buon numero di serate con loro, all’insegna del buon umore, sulla nave ristorante Maria a S. Pietroburgo.

Eccovi il libro in tutta la sua gloria.

written by fookshit on 2011-01-13 #library
translated by eremigi

Kickstarter

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

More Interesting Articles