Un diverso tipo di scatto notturno

5

Questo suggerimento è su una tecnica che ho chiamato “High Quantity Multi Exposure” o in breve HQME. Do per scontato che qualcuno abbia già fatto qualcosa del genere prima di me ma non sono riuscito a trovare alcuna informazione a proposito.

Sono relativamente nuovo del mondo Lomography e non ho molta esperienza ma ho capito che tutto consiste nel mettere in pratica idee creative. Questo suggerimento è su una tecnica che ho chiamato “High Quantity Multi Exposure” o in breve HQME. Do per scontato che qualcuno abbia già fatto qualcosa del genere prima di me ma non sono riuscito a trovare alcuna informazione a proposito.

Ecco come funziona:
Misurate (o stimate) il tempo di esposizione necessario per la pellicola che avete montato. Dividete questo numero per la velocità dell’otturatore che la vostra camera offre e il risultato è la quantità di esposizioni multiple di cui avete bisogno per ottenere alla fine un pezzo di pellicola (pressapoco) correttamente esposto.
L’unica cosa che dovete fare adesso è premere il tasto di scatto…ancora e ancora e ancora e ancora e….sapete come va a finire.

Non sapendo se avrebbe funzionato perfettamente, l’ho provata solo una volta e questo è il risultato:

Avevo stimato (o piuttosto tirato ad indovinare) che il tempo di esposizione necessario per la pellicola da 400 ISO a f11 fosse intorno al secondo. 1s diviso per 1/125s (la velocità dell’otturatore della mia Holga) da 125. Quindi ho “solo” premuto il tasto di scatto per 125 volte di fila.

Farò sicuramente altre foto come questa e mi piacerebbe vedere le vostre. Quindi, per favore, postate link nei commenti e magari taggate anche le vostre foto con l’HQME.

written by phalanx on 2011-01-10 #gear #tutorials #tipster #consiglio #hqme #esposizione-multipla #fotografia-notturna #fotocamera
translated by ceciliap

Kickstarter

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

5 Comments

  1. sandman
    sandman ·

    il principio è corretto e abbastanza comune e usato. va precisato che per avere qualcosa di vagamente leggibile come immagine bisogna mettere la macchina su cavalletto e cercare di farla vibrare il meno possibile mentre premi il punsalnte di scatto. a riguardo lo scatto a filo sarebbe la cosa ideale. con la lc-a lo uso spesso

  2. sandman
    sandman ·

    anche se a quel punto è più semplice usare la posa BULB e tenere l'otturatore aperto 1 secondo

  3. alessiab
    alessiab ·

    adesso sì che ci siamo!

  4. phalanx
    phalanx ·

    @ceciliap: thanks for the translation
    @sandman: I don't speak italian google helped me to understand what you wrote. Of course would a tripod and cable release trigger help to end up with a less blurry image. And the point of this article is not to use BULB, so you don't get lighttrails.

  5. sandman
    sandman ·

    but lighttrails are sexy and glam ;)

More Interesting Articles