Spinner 360: giriamoci intorno!

Ho sempre desiderato comprare una macchina panoramica ma non mi posso permettere la Horizon. Non riuscivo a nascondere l’eccitazione quando è stata annunciata la Spinner 360! Sembra una macchina molto interessante e divertente visto che permette di fotografare immagini a 360-gradi con le perforazioni del rocchetto visibili! Ne ho immediatamente ordinata una dal negozio online e contavo i giorni che mancavano alla consegna.

Quando il pacco DHL è arrivato alla mia porta, rimango stupito dalle grosse dimensioni della scatola e non è facile “liberare” la Spinner a causa del complesso imballo.

Una volta presa in mano la Spinner 360, mi rendo conto che è una macchina solida. Molto più pesante di una normale macchina di plastica e ha persino un paraluce di metallo!

Riguardo alla macchina, c’è un anello da tirare analogo a quello della Supersampler, una leva per l’apertura, la rotella di avvolgimento, e – chi se lo sarebbe aspettato? – una bolla di livello.

Per caricare la macchina ci vuole un po’ di abilità. L’estremità della pellicola deve entrare nel rocchetto e per avanzare la pellicola si deve ruotare la manopola. Una volta inserita la prima pellicola nella macchina, sono pronto per ruotare.

La prima posizione che scelgo per scattare con la mia Spinner è una attrazione turistica locale, ben conosciuta, Chinatown. Appena tiro fuori la mia Spinner dalla borsa, sento di attirare molti sguardi come se avessi in mano un’arma spara raggi mortali di qualche film di serie B, anni 60. Affronto gli sguardi e proseguo nel mio intento di scattare immagini spinner, sperimentando varie tecniche tra quelle sul sito e sul manuale.

Sfortunatamente, il tempo vola quando ci si diverte e dopo 6-7 rotazioni, esaurisco il rullino da 36. Lo invio al mio laboratorio di fiducia per lo sviluppo e lo ricevo in una giornata. Scannerizzare il negativo è un altro lavoretto non da poco, dato che la pellicola non è tagliata e mi tocca srotolarla a mano, esaminarla e tagliare. Posizionare la pellicola sul mio scanner flatbed è un’altra impresa epica. Per fortuna, avevo comprato una DigitaLiza che mi rende la vita un po’ più facile. Il risultato è interessante e divertente. A volte mi vedo due volte sullo stesso fotogramma! Da allora, ho fatto altri 6-8 rullini con la Spinner e tutti i miei amici sono entusiasti dei risultati che produce!

In conclusione, la Spinner 360 è d’obbligo se si amano le foto panoramiche e se si è alla ricerca disperata di attenzione e si amano gli sguardi degli sconosciuti. È divertente, esaltante e non convenzionale. Un avviso: scannerizzare può essere un’impresa, quindi è consigliabile che acquistiate anche la DigitaLiza !

written by coolsigg on 2010-12-24 #gear #review #spinner-360-panoramic-sprocket-fun-circle-special #recensione-dell-utente
translated by eremigi

Kickstarter

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

More Interesting Articles