GIALLORENZO: INTERVISTA IN CAPS LOCK

Oggi vi riportiamo un'intervista davvero particolare, quella che abbiamo realizzato nei giorni scorsi a una band milanese che ama descriversi e rispondere in caps lock alle interviste. E lo facciamo in contemporanea all'uscita del loro nuovo singolo, MEGAPUGNO.

Ciao, Giallorenzo! Benvenuti su Lomography! Presentatevi ai nostri lettori!

CIAO, LETTORI DI LOMOGRAPHY! NOI SIAMO I GIALLORENZO E NON È ESATTAMENTE UN BEL MOMENTO PER PRESENTARCI, MA CORAGGIO!

Com'è nata la vostra band? Com'è sopravvissuta alla nuova città?

IN REALTÀ, MILANO NON È UNA NUOVA CITTÀ PER NESSUNO DI NOI. CI VIVIAMO DA CINQUE ANNI ED E QUI CHE ABBIAMO UNITO DUE PROGETTI DIVERSI: "MONTAG" DALLA BERGAMASCA E "MALKOVIC" DAL BRESCIANO (ENTRAMBI ANCORA ATTIVI). DOBBIAMO TANTO ALLA CITTÀ CHE CI HA ADOTTATI, INNANZITUTTO IL NOSTRO STESSO RAPPORTO. TUTTI E QUATTRO ABBIAMO, INFATTI, VISSUTO A FASI ALTERNE NELLO STESSO APPARTAMENTO DI MILANO EST.

Credits: Giovanni Pedersini

Raccontateci in breve Milano, protagonista, insieme alle vostre emozioni da fuorisede e alle storie dei freak che raccontate, del vostro ultimo album

MILANO È UNA CITTÀ BELLISSIMA, CHE NON HA SUPER MERAVIGLIE DA MOSTRARE MA CHE TI FA COMPAGNIA SE CI PASSEGGI DENTRO. È UNA CITTÀ STRANA, CHE STA DI MEZZO TRA IL MEDITERRANEO E LA MITTELEUROPA. PER QUESTO A VOLTE È UN PO' SCHIZOFRENICA. LO ABBIAMO VISTO NELLE ULTIME SETTIMANE: TRA QUEL MESSAGGIO CHEAP CHE ERA #MILANONONSIFERMA E QUESTA LUCE STRANA DI OGGI, TUTTA NUOVA, CHE CI AVVOLGE ORA CHE NON SI DEVE USCIRE DI CASA. MILANO È DIFFICILISSIMA DA RACCONTARE, PERCHÉ TI VIENE DA NARRARLA ATTRAVERSO UNA SOLA DELLE SUE ANIME, QUANDO IN REALTÀ NE HA MOLTE, OPPOSTE. FATECI CASO: IN TANTI FILM ITALIANI IL MILANESE È UNA MACCHIETTA, TENDENZIALMENTE PURE ANTIPATICO. E INVECE...

Quali sono i posti che preferite? E quelli più fotografici?

SONO TANTI I POSTI CHE AMIAMO DI MILANO, LA MAGGIOR PARTE A EST. I POSTI FOTOGRAFICI SONO POTENZIALMENTE TUTTI GLI ANGOLI DELLE VIE. ANZI, SAREBBE FANTASTICO SFIDARE I VOSTRI LETTORI MILANESI A DAR PROVA DI QUESTO FATTO. LOMOGRAFI, PERCHÉ NON FATE UNA GALLERY DI SOLI SCATTI DALLE FINESTRE O DAI BALCONI DELLE VOSTRE CASE A MILANO?

Credits: Lorenzo Arrigoni

Qual è il vostro rapporto con la fotografia analogica?

INCREDIBILE MA VERO, QUASI TUTTI SCATTIAMO IN ANALOGICO. PIETRO HA INIZIATO ALLE SUPERIORI PROPRIO GRAZIE A LOMOGRAPHY, PER VIA DI UNA RAGAZZA CHE GLI REGALÒ LA DIANA F+. DA ADOLESCENTE CURAVA PURE UN NUTRITO PROFILO SULLE VOSTRE PAGINE! NEI PIÙ RECENTI ANNI MILANESI È STATO GIO A DEDICARSI PIÙ ATTIVAMENTE ALLA FOTOGRAFIA ANALOGICA, PARTENDO CON DELLE USA E GETTA E COMINCIANDO A CIRCONDARSI DI COMPATTE 35 MM (COSÌ HA SCATTATO LA COPERTINA DEL NOSTRO PRIMO DISCO E LE ULTIME FOTO PROMO). FABIO LAVORA CON LA GRAFICA, I VIDEO E SCATTA DA SEMPRE, SPESSO GIRA CON REFLEX ANALOGICHE. HA UN APPOSITO PROFILO INSTAGRAM: SI CHIAMA ANALERGICO. ZAMBE NON HA MAI SCATTATO MA LO COMPENSA LORENZO ARRIGONI - SU INSTAGRAM G.LOCHIS - IL NOSTRO FOTOGRAFO DI FIDUCIA, CHE CI HA FOTOGRAFATI SPESSO DAL VIVO E QUALCHE VOLTA ANCHE IN POSA. LUI È IL NOSTRO GURU ASSOLUTO DELLA FOTOGRAFIA ANALOGICA.

Com'è nato il vostro ultimo singolo, MEGAPUGNO?

LO SCRISSE PIETRO UN ANNO FA SUL DIVANO DELLA CUCINA. POI CI SIAMO ACCORTI CHE DESCRIVEVA MOLTO BENE LA VIOLENZA DI UN SENZATETTO CHE IN QUELLO STESSO PERIODO TIRÒ UN PUGNO ALLA SUA PARTNER DI FRONTE AGLI OCCHI SPAVENTATI DI ALCUNI NOSTRI AMICI. ANCHE DOPO L'ARRIVO DELLA POLIZIA QUESTO INQUIETANTE PERSONAGGIO SI È AGGIRATO PER IL QUARTIERE, GUARDANDO IN CAGNESCO I NOSTRI AMICI, RICEVENDO IL NOMIGNOLO DI "MEGAPUGNO". LA DEDICA A QUESTO MANESCO SERVE UN PO' A SMASCHERARE LA VIOLENZA PIÙ SOTTILE E PSICOLOGICA DI CUI PARLA IL BRANO, UNA VIOLENZA TROPPO SPESSO PROVENIENTE DA NOI UOMINI, UNA DITTATURA EMOTIVA CON CUI SI INGABBIA LA PERSONA CHE SI DICE DI AMARE.

Credits: Giovanni Pedersini

Quali sono i vostri progetti per il futuro?

QUESTA DOMANDA DI RITO IN GENERE NELLE INTERVISTE AI MUSICISTI È QUELLA CHE PASSA PIÙ INOSSERVATA E, PER ASSURDO, IN QUESTI GIORNI È DIFFICILISSIMO PARLARE DI FUTURO. SARÒ SCHIETTO: NON SI CAPISCE NULLA DI COME SARÀ MESSO IL PAESE TRA POCO E SCRIVERE DEI MIEI PROGETTI MUSICALI ORA COME ORA MI SEMBRA TANTO PICCOLA E FRAGILE COME COSA, QUINDI CHISSÀ... SAPPIAMO SOLO CHE DOPO QUESTO SINGOLO USCIRÀ UN INTERO EP, CHE ABBIAMO FINITO APPENA PRIMA DEL LOCK-DOWN. PER IL RESTO, SPERIAMO DI TORNARE A SUONARE DAL VIVO. E SAPPIAMO CHE CI SARÀ DA LAVORARE SODO TUTTI INSIEME PER RIMETTERE IN MOTO IL PAESE.


Grazie ai GIALLORENZO per questa intervista originale e fuori dagli schemi! Seguiteli su Instagram, su Spotify e, visto che ci siete, guardate pure il loro nuovo video su YouTube

written by Luca Mantenuto on 2020-03-20 #culture #people

More Interesting Articles