Intervista al sonder, viaggiatore e fotografo: Aidan Klimenko

Esistono molti modi diversi per nutrire l'anima e lo spirito. Per il fotografo e avventuriero Aidan Klimenko, viaggiare è al primo posto. La sua passione l'ha portato a scattare delle incredibili fotografie e dei ricordi ancora più grandi. In questa intervista, Aidan racconta di come viaggiare ha cambiato il modo in cui guarda la vita e di come scopre costantemente qualcosa di nuovo lungo la strada, dai luoghi, ai popoli alle culture.

© Aidan Klimenko, All rights reserved

Cosa fai e come hai iniziato il tuo viaggio analogico?

Ehi, grazie, sono davvero felice di essere qui. Viaggio, sono dipendente dal movimento e dalla sensazione di essere in un posto nuovo, sempre stimolato, sempre circondato da cose e persone interessanti. Da diverso tempo, mi concentro sull'America Latina, ispirato e curioso delle sue culture diverse, colorate e solitamente calde. In realtà ho iniziato a scattare con la pellicola dopo aver perso tutta la mia attrezzatura digitale in Bolivia. Avevo 22 anni, frequentavo la Montana State University (che all'epoca spingeva tantisismo la pellicola e aveva dellerisorse piuttosto sorprendenti per noi studenti) e mi stavo specializzando in fotografia analogica e digitale. Un semestre decisi di andare in sud America per un progetto indipendente. Le mie cose, però, furono in un ostello. Ma rimasi positivo, in quanto vedendo l'opportunità per un nuovo inizio. Un insegnante/mentore Ian Van Coller mi prestò la sua Mamiya 7ii e acquistai una centinaia di rotoli di pellicole. Da allora non ho più guardato indietro. Quel progetto rimane uno dei miei preferiti, intitolato Mas o Menos , lo potete visionare nel mio website.

Cosa ti passa per la testa quando scatti fotografie?

Quando fotografo per un progetto, cerco di concentrarmi su temi generali. Nella mia mente (e occasionalmente su carta) raccolgo elementi tematici o dei dettagli su cui voglio concentrarmi, e la storia acquisisce una forma inaspettata, come raccogliere pezzi in un puzzle del quale non ho una soluzione.

I tuoi scatti sono davvero stimolanti. Ci fanno venire voglia di uscire e fotografare. In che modo il viaggio ti ha plasmato in modo creativo e personale?

Grazie! Sono cresciuto viaggiando, quindi mi è sempre sembrato naturale e mi ha sempre fornito lo spazio mentale per essere creativo. Penso che tutti noi abbiamo posti o cose che stimolano i processi creativi e, per me, è ovunque che mi senta un po' fuori posto. Più cose nuove mi circondano, meglio è.

© Aidan Klimenko, All rights reserved

La fotografia ha un modo unico di raccontare storie. Cosa vorresti raccontare con i tuoi scatti?

Penso che ci siano storie da raccontare ovunque, un riflesso sia del soggetto che del narratore. E con ciò, il messaggio che trasmetto cambia sempre in base a dove sono fisicamente e mentalmente. Ma se dovessi provare a generalizzare, direi che provo a raccontare storie personali usando l '"elemento umano" per connettere il pubblico all'argomento che normalmente non troverebbero interessante. Che si tratti di scattare una gara 4x4 attraverso la giungla ecuadoriana o di fotografare una comunità di produttori di caffè sulle colline della Colombia, il comune denominatore è sempre la gente, ed è quello su cui cerco di concentrarmi.

Qualche esperienza memorabile nei tuoi viaggi? Per favore, condividili con i nostri lettori.

Questa è una domanda difficile dato che ci sono sempre parti memorabili del viaggio, non importa quanto sia interessante o noioso. Una delle esperienze più recenti che non credo di dimenticare presto, è stata la summenzionata gara 4x4 attraverso la giungla in Ecuador, qualche settimana fa. Non sapevo davvero cosa aspettarmi e sapevo che non sarebbe stato facile, ma quelle due cose (specialmente insieme) sono generalmente ingredienti per un'esperienza memorabile. Non credo di essere stato bagnato fradicio per così tanto tempo o di aver dormito così poco per un periodo di quattro giorni, ma è stato divertente. E le immagini parlano da sole. Ne vale la pena.

© Aidan Klimenko, All rights reserved

Perché scegliere la pellicola per documentare le tue avventure? Cosa ti piace nel condurre una "vita analogica?"

Adoro molte cose della pellicola. Il suo aspetto, ovviamente, ma penso soprattutto che mi piaccia il processo. Adoro scattare e dimenticare ciò che ho scattato e la successiva riscoperta di momenti ritenuti speciali. Mi piace anche molto lavorarle con le mie mani e la sensazione di dar vita ad un'immagine attraverso l'elaborazione e la stampa/scansione. Scattare in analogico, rispetto al digitale, assume un significato diverso, più profondo.

© Aidan Klimenko, All rights reserved

Qual è la prossima destinazione e il tuo progetto nel cassetto?

Dopo aver fotografato dall'Antartide all'Alaska, credo di esser stato davvero fortunato.. Penso che il mio progetto nel cassetto ha più attinenza non tanto sul dove fotografare, ma più con ciò che sto fotografando. Mi piacerebbe abbandonare il lavoro commerciale e concentrarmi maggiormente su progetti che si occupano di questioni sociali. Vorrei che il mio lavoro avesse un impatto positivo su coloro che hanno bisogno. Se viaggiare mi ha insegnato qualcosa, è che sono cresciuto con più opportunità rispetto alla maggior parte, di altra gente e mi piacerebbe sfruttare l'opportunità di poter fare del bene, raccontare storie che contano e promuovere il cambiamento dove conta.

  • Pensi che l'attrezzatura sia importante quando si tratta di pubblicare contenuti di grande qualità? Perché o perché no?

Eh, fino a un certo punto. Penso che dipenda da ciò che fotografi. Penso che l'attrezzatura giusta possa assolutamente fare uno scatto, ma non credo che avere l'attrezzatura "sbagliata" sia la fine del mondo, significa solo che devi essere un po' creativo nel tuo approccio.

© Aidan Klimenko, All rights reserved

Qual è la giornata tipo di Aidan Klimenko?

Io, la mia Leica, alcuni rotoli di qualsiasi pellicola che ho in giro, guidare verso una piccola e remota città da qualche parte sulle Ande o chissà dove.

Infine, qualche consiglio da condividere per i futuri avventurieri là fuori?

Trova il confine della tua zona di comfort e oltrepassala. Ecco come realizzare il miglior lavoro.


Vorremmo esprimere la nostra gratitudine ad Aidan per averci permesso di presentare le sue immagini sulla rivista. Segui Aidan su Instagram e il suo website e osservare il suo prossimo viaggio!

written by cheeo on 2019-11-04 #culture #people #places

More Interesting Articles