Lomogon Stories: Trev Eales

1

In questo capitolo del Lomogon Stories, il fotografo Trev Eales ci accompagna lungo la strada, documentando festival musicali come l'Y Not Festival con il nuovo Lomogon 2.5/32 Art Lens.

Sono un fotografo di Cumbria che si trova nel nord ovest dell'Inghilterra. Vivo vicino il Lake District National Park e questo mi offre grandi opportunità. Trascorro i mesi invernali a fotografare paesaggi. I colori autunnali e l'impatto della luce in continua evoluzione sulle colline e sulle montagne mi regala sempre grandi ispirazioni.

L'arrivo dell'estate porta un totale cambiamento nella mia vita, passo dalla solitudine delle colline all'intesa scena dei festival musicali inglesi. Negli ultimi sei anni ho fotografato la maggior parte dei principali festival del paese, tra cui Glastonbury, Reading, Leeds, L'isola di Wight e T in the Park. Di solito, il mio obiettivo si concentra sul palco, dove si avverano dei veri e propri spettacoli, ma mi piacciono anche festival come Wilderness, The Secret Garden Party e Boomtown Fair, dove gli scatti più emozionanti e colorati si fanno strada tra un pubblico che si diverte moltissimo a partecipare e al tempo stesso osservare passivamente gli altri durante le loro esibizioni.

Quest'estate ho portato con me l'obiettivo per due fine settimana consecutivi. La prima tappa è stata The Why Not? Festival, un evento in cui la line-up è dominata dalle chitarre. È uno di quegli eventi in cui il pubblico si concentra principalmente sulla visione o sull'ascolto della musica. Una settimana dopo mi sono diretto a Wilderness con la sua colorata atmosfera da festa.

L'obiettivo 32mm è abbastanza largo, quindi è necessario avvicinarsi a un soggetto per riempire un fotogramma e usare la messa a fuoco manuale non è stato così semplice, specilamente quando cercavo di fotografare sconosciuti per le vie del festival; le persone non vogliono restare immobili, mentre il fotografo le mette in posa e si concentra.
È diventato subito chiaro che lavorando manualmente, c'era un basso tasso di successo nel tentativo di scattare alle persone che si dirigevano verso di me. Si è rivelato molto più efficace trovare luoghi in cui folle e persone si fermavano, ad esempio davanti una bancarella, seduti su un'amaca, vicino al logo del festival o erano semplicemente seduti e assorti nell'ascoltatre la musica. Con gli scatti tra la folla, cercavo di concentrarmi su individui fotogenici e nel trovare le corrette angolature per immortalare l'ambiente circostante, anche se sapevo di scattare alle spalle del soggetto.

Per scattare agli artisti su un palcoscenico di grandi dimensioni, solitamente è necessario un obiettivo molto più "lungo" o il soggetto diventa una piccola parte dell'intera scena, ma durante i festival di King Pleasure e i Biscuit Boys al Y Not , ho trovato una band con dei completi blu che sembravano nati per essere fotografati. Mi piacciono molto i colori saturi e la vignettatura che l'obiettivo crea a grandi aperture e che, in particolare in piena luce è stato in grado di produrre quelli che erano in effetti paesaggi di festival affollati.


Visita il website di Trev per vedere altri suoi lavori.

2019-02-27

One Comment

  1. sirio174
    sirio174 ·

    Splendido reportage

More Interesting Articles