Muovere i primi passi con La Sardina, un'intervista ad Antonio

12

Ciao Antonio, è un piacere averti qui con noi! Puoi raccontarci qualche cosa di te? Come ti sei imbattuto in Lomography e da quanto tempo sei iscritto alla sua Community?

Ciao, il piacere è tutto mio. Beh, ho 23 anni, abito a Santa Maria Capua Vetere, a 30 min da Napoli dove studio letteratura angloamericana all’università, una mia fissa. Sono malato di cinema, il che credo mi abbia avvicinato alla fotografia più della fotografia stessa. Direttori alla fotografia come Robby Müller, Robert Burks per la mia esperienza sono stati importanti al pari di fotografi come Saul Leiter, Stephen Shore o Daido Moriyama, tanto per citarne alcuni. In Lomography mi sono imbattuto grazie ad un amico geniale, Mario (per la Community goonies), campano come me, che ho conosciuto grazie ad un'altra malattia in comune che è la musica. Lui è un guru della lomografia, oltre ad essere una persona squisita. Ed è proprio a lui che chiesi consiglio sul come e dove cominciare. Con Mario, ahimè, ci si vede più allo Stadio San Paolo che per uscite fotografiche, ma va bene uguale. È da poco che sono iscritto, forse meno di un anno, però Lomography è entrata da subito a far parte della mia quotidianità.

Ritratti realizzati su pellicola bianca e nera.

Quale è stata la fotocamera con cui hai iniziato e perché?

La fotocamera con cui ho iniziato è stata La Sardina 8 Ball. Cercavo una macchinetta semplice, da primo approccio, essenziale, così me la sono regalata al mio scorso compleanno. Ne La Sardina ho trovato il modo per cominciare a divertirmi senza chiedere troppo alla mia scarsa esperienza da lomografo/fotografo. Sebbene sia stata una scelta umile, sia dal punto di vista economico che tecnico, è una macchina che mi ha subito sorpreso per una serie di potenzialità su cui a primo impatto non giureresti.

Consiglieresti questa fotocamera ad un principiante e perché?

Sì, la mia breve esperienza dice proprio questo, è una delle macchine giuste per approcciarsi alla lomografia. È molto semplice da usare, lo è stato perfino per un impacciato come me. È una macchina che si adatta benissimo a qualsiasi tipo di pellicola e soprattutto è divertente per cominciare a sperimentare le esposizioni multiple grazie alla funzione MX delle esposizioni multiple.

Puoi spiegare brevemente come utilizzare la fotocamera?

Questa fotocamera richiede pellicole da 35 mm. La sua funzione standard è la N, ovvero 1/100 di velocità d’otturatore ma possiede anche la B Mode per le lunghe esposizioni. Ha due scelte di fuoco, 1m (indicato da un simpatico ragnetto) oppure infinito. La particolarità è la funzione MX per le esposizioni multiple: basta premere l’otturatore senza mandare avanti la pellicola, muovere la levetta da N a MX, scattare un’altra foto e poi mandare avanti la pellicola con la rondellina di destra. Una volta terminate le pose basta riavvolgere la pellicola con la rondella di sinistra nel verso indicato. Scattare è davvero facile, credo si adatti bene alla filosofia Don’t Think, Just Shoot.

Scatti realizzati con La Sardina 8 Ball. La seconda immagine della prima riga e le due successive sono realizzate utlizzando la funzione di esposizione multiple.

Quali sono le “features” di questa macchina?

La caratteristica unica di questa fotocamera, oltre alla funzione MX, è la lente Wide Angle che ti da un ampio raggio d’azione, ma che sorprende ancora di più nel fuoco a 1 metro: genera delle immagini pulite e molto dinamiche, sportive, grazie anche alla vignettatura che crea effetti molto interessanti anche puntando verso il sole. È ovvio che in base alle sue caratteristiche tecniche, rende di più in condizioni di luce ottimale, specialmente all’aperto quindi. E poi è bellissima esteticamente, tutte le versioni lo sono.

Per i più esperti che cosa consigli?

Agli esperti consiglio di non sottovalutare La Sardina. È sì una macchina da primo approccio, ma è anche una macchina che una volta presa non la molli più, perché ti apre a molte soluzioni e sperimentazioni e perché è una macchina affidabile. Nell’ultimo anno mi ci sono divertito tantissimo ma credo che nei prossimi mi divertirò ancora di più, sperimentando col flash Fritz the Blitz e aprendomi a nuove pellicole. Ero preoccupato del fatto che col tempo comprando nuove macchine magari l’avrei un po’ accantonata, invece non è stato vero, anzi. Ma questo è normale, come scrisse Tom Petty La maggior parte delle cose di cui mi preoccupo poi non accadono, comunque.

È una fotocamera che porteresti sempre con te?

Certo. È una fotocamera che porto sempre con me. Credo sia stato questo il suo destino fin da subito. Il giorno dopo averla acquistata ci uscii in strada per fotografare le strade innevate, cosa rara dalle mie parti e dopo pochi giorni la portai con me a Varsavia in un viaggio in solitaria, dove mi ha tenuto davvero compagnia. Alla fine va nella tasca interna del mio giubbotto di jeans, quindi è giusto che la porti con me. Una delle prime cose che ho imparato a fare è non uscire mai senza fotocamera. Tutte le volte in cui me ne sono dimenticato mi sono trovato sull’orlo del pianto per le occasioni mancate.

Quali sono i tuoi soggetti preferiti?

Questa è una bella domandona. Forse non lo so ancora bene. Credo sia fortemente attratto dalle persone, da come occupano lo spazio, da quello che fanno e da come lo fanno. Per questo il mio soggetto è spesso anche lo spazio stesso: nella fotografia come nel cinema, mi capita spesso di voler abitare o occupare uno spazio, non solo fisico ma anche emotivo, che sto osservando. Questo significa non solo che la fotografia è buona, ma che lo è a tal punto da invogliarmi a “entrarci dentro”. Forse in questa fase ricerco questo nella fotografia. Ma non mi precludo mai nulla. Inseguo molto la luce, che volendo usare un linguaggio da detective story, è movente, modus operandi e, perché no, anche alibi.

In tre parole che cosa è per te La Sardina?

La Sardina è Primoamore, Compagnia, Sperimentazione.

Qual’ è il tuo scatto preferito nella tua Lomohome e perché?

Aeh, dalle mie parti si dice “ogni scarrafone è bello a mamma soja”. Ad ogni modo, ci provo, forse questa:

Madre che aiuta bambino in acqua. Scatto realizzato con La Sardina 8 Balls

È una madre che aiuta il suo bambino in acqua. La luce che li confina rende il resto della foto praticamente nullo. Mi piace perché l’avevo pensata esattamente così quando l’ho scattata e poi perché il soggetto mi prende molto da un punto di vista emotivo-personale.

Sei in contatto con altri lomografi? Credi che grazie alla Community tu abbia avuto modo di entrare in contatto con chi come te ha le tue stesse passioni?

Certo che lo sono, è uno dei motivi principali per cui uso Lomography. Oltre a goonies di cui sopra, ultimamente ho fatto diverse amicizie, con aronne ad esempio ho un paio di swap in cantiere, ho anche conosciuto nuovi fotografi italiani grandiosi come superlighter, sirio174, per citarne alcuni. Lomography è perfetto per entrare in contatto con altri lomografi, confrontarsi, chiacchierare, sperimentare, bestemmiarsi, perfetto per chi pensa che migliorarsi e divertirsi vadano di pari passo.


Ringraziamo antoniodivilio per questi utilissimi consigli e vi ricordiamo di visitare la LomoHome di questo giovanissimo lomografo!

written by chiaracarlucci on 2018-11-09

Mentioned Product

Lomography La Sardina

Lomography La Sardina

Shaped like a humble sardine can, the La Sardina is packed with tremendously fun features. It shoots regular 35mm film, has a wide-angle lens and features a rewind dial so you can turn back frames at any time you want. Available in all kinds of designs, discover an ocean of analogue possibilities with the La Sardina today!

Add to Cart

12 Comments

  1. goonies
    goonies ·

    Grazie per le belle parole Antonio 🙏🏻🙏🏻

  2. goonies
    goonies ·

    C’è poco da fare, prima o poi tutti si imbattono del superaccendino @superlighter

  3. aronne
    aronne ·

    Grande antonio! Bellissima intervista! Belle anche le foto! Mi sa che mi cerco una sardina sulla baia...

  4. aronne
    aronne ·

    @goonies @superlighter evviva il superaccendino!

  5. antoniodivilio
    antoniodivilio ·

    @goonies legge non scritta

  6. antoniodivilio
    antoniodivilio ·

    @aronne mitico tu. @goonies ce semo tutti a Poma' vai cor tango!

  7. goonies
    goonies ·

    @aronne credo diessere l’unico al mondo a non avere un buon feeling con la sardina

  8. aronne
    aronne ·

    @goonies non so, io non l'ho mai provata. Certo, sulla carta ha molte limitazioni: un solo tempo di scatto fisso, il diaframma poco luminoso. Potendo scegliere meglio optare per la mitica lc-a wide... però costa molto, ma moOlto di più!

  9. goonies
    goonies ·

    @aronne ma parlo di esperienza mia, perchè di foto molto belle con la sardine ne ho viste tante in giro, Antonio ne è un esempio

  10. aronne
    aronne ·

    @goonies si, vero! Le foto di antonio fanno venir voglia di prender su una sardina... ma è così a volte è solo questione di feeling! Io non mi sono mai trovato con la mia lubitel...

  11. antoniodivilio
    antoniodivilio ·

    @aronne @goonies Io penso che le limitazioni le ha, e in effetti nell'articolo trapelano, però è altrettanto vero che qualsiasi paragone con un prodotto nuovo in 35mm è veramente assente, semplicemente perché qualsiasi macchina costa almeno il triplo. Dalle mie parti si dice "quanto spendi tanto appendi", e con le dovute proporzioni con La Sardina appendi molto. Per il resto, sì, è tutta questione di feeling. Tra l'altro la mia è un' analisi solo parziale, perchè La Sardina monta il Flash Fritz the Blitz, che è praticamente pensato proprio per lei, e che io non ho ancora toccato ahimè.

  12. goonies
    goonies ·

    @antoniodivilio @aronne ora mi avete messo la voglia di rispolverare la mia Sardina, ci carico un rullo, vediamo che succede.

More Interesting Articles