La bellezza della spontaneità: intervista alla lomografa benedettafalugi

6

Nonostante sia una Lomografa da molto tempo, Benedetta Falugi è tornata di recente nella nostra community, strabiliandoci con dei bellissimi scatti analogici. Abbiamo deciso di fare quattro chiacchiere con lei per parlare del suo rapporto con la fotografia.

Credits: benedettafalugi

Ciao Benedetta, bentornata nella nostra community! Quando e come è iniziata la tua passione per la fotografia e cosa ti piace delle fotografia analogica?

Una decina di anni fa, per caso, dovevo fotografare dei mobili di antiquariato da vendere online e comprai la mia prima compatta digitale. Non avevo mai avuto una macchina fotografica prima, né tantomeno la passione per la fotografia in generale.

Comunque, ho cominciato a portarla con me durante lunghe camminate sul mare e mi è venuto naturale iniziare a scattare.

Era un periodo particolare per me e credo mi abbia aiutata molto anche a livello "terapeutico", se così si può dire.

Da lì in poi non ho più smesso, passando velocemente alla fotografia analogica, grazie ad un amico che mi convinse subito della sua "superiorità".

Dell'analogico amo tutto, a partire dai tempi: col digitale è difficile trattenersi e finisci a fare troppe foto, invece con la pellicola hai 36 pose (che son sempre più care) e pensi di più e meglio prima di scattare. Mi piace anche l'attesa dallo scatto allo sviluppo e, ovviamente, la resa.

Per me non c'è confronto, esteticamente parlando: la grana, i colori, TUTTO per me è esteticamente superiore al digitale e, soprattutto, si sposa perfettamente con quello che è il mio ideale di "bello" in fotografia.

Non so bene come spiegarlo, le mie foto le vedo e le voglio solo così, esattamente come escono fuori dallo sviluppo del rullino.

Credits: benedettafalugi

Hai dei fotografi ai quali ti ispiri nel tuo lavoro?

Certamente sì! Io ho cominciato come autodidatta, quindi ero profondamente ignorante nel campo della fotografia ma per fortuna, grazie ad internet, tantissima curiosità e passione ho conosciuto, ammirato e seguito tanti autori eccezionali, dai più famosi ai giovani talenti meno conosciuti o totalmente sconosciuti, ma enormemente bravi.

Comunque poi mi sono messa a studiare, e i nomi sono tanti, i primi che mi vengono in mente sono:

William Egglestone, Viviane Sassen, Tom Wood, Lukasz Wierzbowski, Guy Bourdain, Joel Meyerowitz, Nan Goldin, ,Todd Hido, Saul Leiter, Hellen Levit, Ryan McGinley, Luigi Ghirri, Guido Guidi, Alexander Gronsky, Mark Cohen. E poi beh, non posso non citare Efrem Raimondi per il quale nutro grande stima e ammirazione sia professionalmente che umanamente.
Credits: benedettafalugi

Da cosa ti fai ispirare per scattare una fotografia, qual è la molla che ti porta a scattare una foto?

La pancia. L'istinto e la mia emotività.

Credits: benedettafalugi

Un tema ricorrente delle tue foto è il mare e, in particolare, le persone anziane in spiaggia, da cosa nascono questi scatti?

Non è una serie nata come progetto, semplicemente sono stata attratta da queste figure che ho incontrato casualmente durate le mie camminate solitarie. Tutti i soggetti che ho fotografato mi hanno colpito per qualche motivo, sicuramente in ognuno di loro ho trovato della bellezza.

L'altro giorno mi sono imbattuta in un'intervista a Harry Gruyaert, e sono rimasta folgorata dalle sue parole, che condivido pienamente:

“Il mio lavoro racconta molto di me e dei soggetti che fotografo. Quel che mi importa, alla fine, è la forza di ogni singola immagine. Ognuna, poi, può essere vista insieme alle altre, realizzate sullo stesso tema, e tutte insieme possono creare un accumulo d’intensità, come se si trattasse di un elogio del soggetto ritratto o di una profonda esperienza su questo stesso soggetto”.
Credits: benedettafalugi

Quanta preparazione c'è dietro ai tuoi scatti e quanti invece sono figli dell'intuito?

Non c'è quasi mai preparazione, assolutamente no.

Pensa che anche la TV sulla spiaggia l'ho trovata esattamente lì, cioè io l'ho spostata un po' ma era lì, non l'ho portata io!

Credits: benedettafalugi

Nelle foto dove vedi una figura maschile invece (non tutte, ma la maggior parte) sono state fatte con il mio ex o con un mio amico, con i quali mi sono divertita molto a scattare in giro in maniera più ludica e spensierata ma anche un pochino più "costruita" se così si può dire.

Credits: benedettafalugi

Spesso scatti in controluce, è una scelta figlia della necessità di catturare "il momento decisivo" oppure è una cosa che pianifichi per ottenere un particolare effetto?

Controluce? Spesso? Sai che non ci avevo fatto caso?

Invece se parli delle infiltrazioni di luce, quelle le cerco. Mi sono imbattuta in questo effetto per caso: la mia LC-A era vecchissima e la guarnizione consumatissima così cominciò ad entrare luce e a produrre quegli effetti "strani".

Me ne sono subito innamorata e ho cercato di ottenerli ancora, sempre con la stessa "tecnica della macchina rotta", o meglio, con le guarnizioni consumate.

Non puoi controllare più di tanto questo effetto, anzi, quasi per niente. Ma è anche questo il suo bello.
Credits: benedettafalugi

C'è una foto alla quale sei particolarmente affezionata?

Sì. questa:

Credits: benedettafalugi

Ci sono molti motivi, ma te ne dirò solo uno: è uno dei miei primi scatti analogici, al tempo mi divertivo molto con la fotografia, la vivevo con spensieratezza, cosa che oggi purtroppo ho un po' perso.

Credits: benedettafalugi

Cosa rende un fotografo un bravo fotografo?

Quello bravo è anche buono, quello non bravo è anche cattivo.

Credits: benedettafalugi

Hai qualche consiglio da dare ai membri della nostra community?

Non ascoltate troppi consigli

Credits: benedettafalugi

Grazie Benedetta per questa intervista. Potete seguire i suoi lavori nella sua LomoHome oppure nel suo profilo Instagram

written by paolocunico on 2018-04-16 #culture #people

Mentioned Product

Lomo LC-A+

Lomo LC-A+

Be an analogue photography pro with the Lomo LC-A family. Get the signature ‘35mm Lomographic look’ with shadowy vignettes, eye-popping colors and saturation.The Lomo LC-A is the Russian classic with customizable aperture settings. The Lomo LC-A+ has awesome added tricks like multiple exposure capabilities, extended ISO range up to 1600 and a cable release thread!

Add to Cart

6 Comments

  1. sirio174
    sirio174 ·

    bellissima intervista!

  2. lunasimoncini
    lunasimoncini ·

    Bellissime! Sempre brava Benedetta *_*

  3. benedettafalugi
    benedettafalugi ·

    @sirio174 Grazie Sirio!!! :)

  4. benedettafalugi
    benedettafalugi ·

    @lunasimoncini Grazie carissima! :***

  5. aronne
    aronne ·

    Che foto, che foto, che foto! 😍

  6. benedettafalugi
    benedettafalugi ·

    @aronne Ma che caro! Grazieee! :))))

More Interesting Articles