La Terra trema!

1

Tra i post richiesti per il mese di aprile mi ha colpito il tema “Analogue for a Day”. Bene, qui vi racconto cosa ho combinato insieme ad alcuni miei colleghi e a due miei bravi studenti di un Istituto Tecnico che hanno lavorato alla riparazione di un pregevole strumento analogico d’epoca. State a vedere!

Verso la fine del 2011, insieme ad alcuni miei colleghi di un Istituto Tecnico ove insegno da oltre 15 anni, l’ITIS Magistri Cumacini di Como, ho partecipato ad un progetto scientifico in collaborazione con un’altra scuola superiore di Como, il Liceo Volta (il Liceo Classico di Como), la cui Preside è stata una mia cara ex collega per tanti anni all’ITIS. In questo progetto, bisognava recuperare e restaurare degli strumenti di misurazione d’epoca destinati ai laboratori di Fisica. Abbiamo scelto di ripristinare un vecchio sismografo analogico realizzato nei primi anni del 1900!

  • Il cortile della mia scuola… un fiore per dirvi quanto sono affezionato al mio luogo di lavoro!

Il Liceo Volta ospita una pregevole biblioteca, ed un museo di strumenti d’epoca amorevolmente curato da una mia ex collega con cui ho insegnato nei primi anni della mia carriera in un Istituto Professionale.

  • Un planetario
  • Una radio a valvole
  • Un regolo gigante a parete

Ma l’oggetto degno della nostra “vita in analogico” era questo pregevole sismografo, costruito all’inizio del 1900 dalla Ditta torinese Massarotti e Bianco (di cui ora non si ha più alcuna notizia), e mancante di alcuni pezzi.

L’orologio era fermo da anni, il cilindro rotante aveva dei giochi nel suo movimento rotatorio, mancavano le lancette, la molla che reggeva una massa sismica (quella esterna) e mancavano soprattutto i due pennini di scrittura

Con l’aiuto di un bravo orologiaio (un mio caro amico ed ex compagno di scuola) abbiamo revisionato l’orologio, sistemato il meccanismo, montato le lancette, ed abbiamo fatto una piccola modifica per poter accedere rapidamente al meccanismo di carica (nascosto dietro il cilindro rotante che andava svitato ad ogni carica; abbiamo sostituito la vite con una molletta a sgancio rapido)

Dato che la nostra era una giornata dedicata a riparare uno strumento analogico (in verità l’abbiamo fatto in più giorni), le foto sono state scattate con la mia Praktica MTL 5 e una pellicola Ilford Delta 3200 tirata a 6400 ISO e da me sviluppata in Microphen! Niente macchinette digitali!

Abbiamo recuperato la molla presso un rivenditore di ricambistica industriale, ed abbiamo costruito manualmente le leve che sostengono i pennini. Per scrivere abbiamo utilizzato delle mine morbidissime montando sul cilindro un rotolo di carta.

Il sismografo funziona mediante due masse sismiche, dal peso di circa 500 grammi, entrambi sostenute da due molle. Quando la terra trema, le masse sismiche restano ferme per il principio di inerzia, mentre a oscillare, solidare col terreno, è la struttura del sismografo! (Anche se un osservatore posto sul pavimento vede muoversi le masse rispetto al suo punto di osservazione e potrebbe pensare erroneamenta al contrario).

Sono presenti due masse in quanto lo strumento misura sia il movimento ondulatorio che quello sussultorio. Il disco su cui è montata la carta ruota solidale con la lancetta delle ore, e durante il suo movimento i pennini registrano i movimenti della terra. Originalmente la scrittura veniva effettuata incidendo strisce di carta affumicata o impregnata di paraffina. La soluzione adottata da noi è più pratica e funzionale.

Una serie di giornate analogiche che ci ha dato una grande soddisfazione!

Chi avesse notizie della Ditta produttrice di questo strumento è pregato di contattarci! Cerchiamo di ricostruirne tutta la storia!

written by sirio174 on 2012-04-19 #lifestyle #requested-post #manualita #artigianato #studenti #post-richiesto #scuole #riparazione #collaborazione #analogue-for-a-day #analogico-per-un-giorno #liceo-classico #liceo-alessandro-volta #itis-magistri-cumacini #istituto-tecnico #sismografo #restauro #ripristino

Kickstarter

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

One Comment

  1. superlighter
    superlighter ·

    favoloso! :-)

More Interesting Articles