Scattare Foto con Pellicole Scadute

1

Scattare foto con delle pellicole scadute è come sempre un rischio. Se ti ricordi d’aspettarti l’inaspettato, sarai sempre contento. Dopotutto, si tratta semplicemente di questo, no?

La tecnica del cross-precess può causare un incremento e un cambiamento dell’esposizione. Credo che qui la colpa dia della Sensia 100 che è scaduta!

L’ultima regola di Lomography è probabilmente la più importante, quella che ci libera dai limiti e ci permette di scatenare la nostra creatività. E’ bella e colorata sul sito e stampata in grassetto in qualsiasi libro prodotto dalla LSI Lomography Society International. “10 > Non preoccuparti delle regole.”

Comunque, c’è una regola che non possiamo evitare. Una verità che noi tutti abbiamo scoperto ad un certo punto ed è che… le pellicole nuove sono costose. Così tanto che se peschi a strascico in negozi di antiquariato una fotocamera di seconda mano può essere meno cara. La LSI produce tutta una serie di pellicole di qualità e meno care di quelle che, personalmente, ho a disposizione nei negozi ma il loro uso è nei limiti del possibile.

Affronto il problema scattando quasi esclusivamente con delle pellicole scadute, ed è così che ne occupo.

1. Comperare pellicole scadute.
Qui in Nuova Zelanda non abbiamo un accesso a negozi di antiquariato abbastanza facile come potreste averlo voi. Praticamente i nostri affari per oggetti di seconda mano devono essere conclusi tramite una nostra versione di vendite all’asta online. Siamo limitati. Quindi controllo tutto come un falco e quando posso ne prendo in grosse quantità da un fotografo che ha il bisogno d’affittarsi a pellicole nuove o che ha cambiato verso il digitale.

Quando va bene – può essere magnifico. Il mio record migliore di pellicole scadute e a buon mercato include circa 15 rullini di Provia 100F, assolutamente bellissimi una volta fatto il cross-process!

2. Età della pellicola.
Cerco di limitami a pellicole che hanno un decennio o due, se è scaduta prima della metà degli anni ‘90 è davvero un rischio. Se è il caso, non ne compro in grandi quantità. Se capito su qualcosa di interessante allora provo. Ho una Kodak T64 in frigo per un’occasione speciale che è scaduta nel 1980 e qualcosa.

Di nuovo, nulla di sbagliato con questo lotto di Sensia 200 una volta usato il cross-process.

3) Controllarle
Appena comprate, metto le mie direttamente in frigo. Ne ho una collezione abbastanza grande che ne ho dedicato uno. Raffreddare la pellicole aiuta a tenerle nuove, come il cibo. Tutte le mie pellicole vivono qui: vecchie e nuove. Non congelarle, ho sentito dire che causa il cosiddetto effetto retinatura non l’ho provato in ogni caso.

4) Scattare le foto.
Gli effetti delle pellicole scadute sono molteplici. I due che ci interessano più di tutti sono il cambiamento di colore e sensibilità. Essendo lomografi, ci piacciono gli effetti strani, è il morivo per il quale utilizziamo il cross-process con pellicole costose! Il cambiamento di colore in una pellicola è quando uno o più colori non appaiono correttamente e sono quindi “sottratti” ad un bilancio cromatico perfetto. Ciò rende altri colori più forti e ne causa il cambiamento. Niente male!

Questi sono dei scatti fatti con una Kodak Portra VC, scadutissima. VC sta per “Vivid Colour: colore vivo” ma questo non è certamente vero, sembra esserci un notevole cambiamento verso la fine del giallo della gamma di colori, dando a queste immagini un bel look cremoso e quasi tinto.

Le pellicole scadute possono essere meno sensibili alla luce. Questo è il peggior caso perché non si riesce a definire quanto siano sensibili e non vogliamo negativi sottoesposti. Nella maggior parte dei casi sono sempre orrende. Se avete un lotto di pellicole uguali e la prima di una scatola è sottoesposta, è probabile che anche le restanti lo siano, e in questo caso fa finta che siano di un ISO diverso. Ho alcune Fuji Superia 400 che sono risultate sottoesposte due volte. D’ora in poi le scatterò a 200 per renderle più luminose.

Ho comprato un bel lotto di Fuji Superia 400, volevo che fossero le mie pellicole normali di riserva nei casi in cui abbia bisogno di qualcosa per luci scarse. Questi scatti fatti con una LCA+ RL dovrebbero essere stati più luminosi, era una giornata limpida ma sono tutti sottoesposti…
Stessa pellicola, stesso posto, due settimane dopo. Lezione imparata! La prossima volta scatta a 200 ISO.

Bene, mi disconnetto, ma prima che vada per favore commentate qui sotto a proposito della vostra esperienza con pellicole scadute, fatemi sapere come ve la cavate.

written by adam_g2000 on 2013-07-29 #gear #tutorials #sensia #shift #tipster #asa #provia #pellicola #iso #colore #consigli #pellicola-scaduta #superia-colour #fuji-kodak
translated by ricomion

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

One Comment

  1. davidsawyer
    davidsawyer ·

    Ciao!
    Qui in Italia ho avuto l'occasione di rispolverare una vecchia KODAK degli anni '40,di quelle che vien fuori la membrana in pelle (se così si chiama,non lo so)
    Era del padre di mio padre,ma la pellicola 620 neanche esiste più.
    ora,vedo dei metodi di "hacking" delle 120 per adattarle rimuovendo le "lips" con le forbici....ma se invece uso le 620 che si comprano su ebay? Le vedo con data di scadenza nel 1958,1962....l'unica cosa che mi preme è che non rovinino la macchina? sono utilizzabili? che accadrà?
    grazie.

More Interesting Articles