Tecnica Redscale: Il principio di penetrabilità della luce

4

Non so se questa è una idea unica, se si, allora pretendo la mia immortalità. Introduciamo, il “Principio di penetrabilità della luce” di Rene M. Nob.

L’esposizione di una pellicola redscale è sempre stata difficile. Mentre io sono convinto che ho bisogno di sovraesporre un film come un redscaled Fujifilm Superia 400 da 4 a 5 stop per raggiungere l’esposizione ideale, mi sono sorpreso dei risultati di lakandula e di plasticpopsicle riguardo una pellicola rescaled Super Lucky 200 che è stata sovraesposta di uno stop . Nonostante la sovraesposizione minima, le foto sono state ben esposte. Ho voluto provare io stesso, e devo ammettere, uno o due stop di sovraesposizione non erano una delusione. La domanda è, perché? Due film diversi, redscaled, che richiedono diversi gradi di sovraesposizione.

Appena ho fisicamente esaminato entrambi i film, ho notato che il Super 200 di Lucky era un po ’più sottile della Superia 400. Forse, ciò spiega il motivo per cui alcune pellicole Lucky redscaled necessitano solo di uno o due stop di sovraesposizine. Deve essere così! Prima di trarre le mie conclusioni, ho dovuto provare un altro film quasi sottile come la Lucky, la Kodak Color Plus 200. Di seguito sono riportati i risultati, e sembra che le mie ipotesi siano vere, le pellicole più sottili richiedono minor sovraesposizione per ottenere risultati ottimali.

Probabilmente ti stai chiedendo quanto sia il molto sottile. Per prima cosa, lasciatemi introdurre quello che io chiamo “Principio di penetrabilità della luce”. Un film spesso ha una “penetrabilità limitata”, cioè la luce non lo attraversa facilmente; In altre parole, opaco. D’altra parte, un film sottile ha una “penetrabilità alta” alla luce ed essa può parzialmente passare attraverso la pellicola, o in altre parole traslucido.

Ora, come potrete identificare il livello di penetrabilità film? Ecco come si fa. Di notte, osservare in controluce la pellicola con le tue luci di casa. Se si può ancora vedere la lampadina in modo chiaro, allora il film è ad “Alta penetrabilità”, ed è abbastanza sottile da essere sovraesposta da uno a tre stop.

Tuttavia, se non riesci a vedere la lampadina, allora quel film ha “penetrabilità limitata,” e deve essere sovraesposto da quattro a cinque stop.

Questa tecnica è particolarmente utile se è la prima volta che si utilizza un particolare film redscaled. Spero che vi sia di aiuto.

written by renenob on 2012-03-08 #gear #tutorials #film #tip #redscale #stop #tipster #esposizione #sovraesposizione #penetrabilita-della-luce
translated by ilfede

Kickstarter

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

4 Comments

  1. sirio174
    sirio174 ·

    interessante!

  2. gigisco
    gigisco ·

    Great!

  3. tsingtao
    tsingtao ·

    Ma poi lo sviluppo a quanto bisogna farlo? al valore nominale della pellicola o a quanto si è esposto?

  4. fcasadei
    fcasadei ·

    Credo dipenda dal fatto che in quelle fini c'è meno filtro anti alone ovvero l'ultimo strato della pellicola normale e quindi il primo della redscale. Se il filtro anti alone è più spesso la luce ci mette di più a passare (nel redscale) e quindi si deve sovraesporre di più.
    Almeno credo che sia così ... non sono un grande esperto di pellicole, tutto il mio sapere è riassunto in questa piccola guida (magari piena di errori) che ho scritto
    www.flaviocdc.net/wiki/fotografia:cosa_e_una_pellicola_reds…

More Interesting Articles