Montare con facilità i filmati girati con il LomoKino in After Effects!

Immaginate di poter finalmente montare i filmati girati in Lomokino senza i problemi legati al ritaglio dei singoli fotogrammi. In questo tutorial cercherò di spiegarvi l’idea che ho avuto qualche giorno fa dopo aver processato i primi fotogrammi impressionati con il LomoKino.

Ragioniamo come un proiettore di pellicole.

Ho incluso diversi screenshot delle varie fasi di lavoro ma per seguire meglio i dettagli del procedimento guardate anche il video che si trova a fine tutorial.

Partiamo dalla scansione delle nostre strisce di 24 fotogrammi. Per non tagliare nessuna parte utile dei fotogrammi scansioniamo l’intera area per poi eliminarla direttamente in fase di montaggio. Ma a questo arriveremo tra poco.

Una volta acquisite le nostre strisce lanciamo Adobe After Effects o un programma di montaggio col quale abbiamo confidenza per poter ripetere i passaggi qui illustrati. Tutto quello che dobbiamo fare è creare un’animazione della posizione dell’immagine.

Creiamo un nuovo progetto.

Andiamo poi nel riquadro “project”, poco più in basso, facciamo click con il tasto destro e scegliamo “new composition”.

Se scegliamo un HD a 720p il formato sarà 1280×720. Considerando che il frame girato dalla Lomokino è di 24×8,5mm ne risulterà che il nostro progetto dovrà avere le proporzioni di 1280×450 pixel, square pixels ovviamente. Poi impostiamo i frames per second. Io utilizzo di solito 4 fps (frames per second) ma anche altre impostazioni vanno bene. Dipende dall’effetto che vogliamo ottenere e dalla velocità con cui abbiamo girato.

Una volta impostato il progetto importiamo le nostre immagini cliccando due volte nella stessa area dove abbiamo creato la “new composition”. Si aprirà una finestra dove andremo a scegliere i nostri files.

Una volta terminata l’importazione trasciniamo la prima immagine nella timeline.

Prima di tutto impostiamo la larghezza dell’immagine in modo da tagliare le parti laterali che non ci interessano. Per fare questo uso il parametro “scale”, nel sottomenù “transform”, il quale scala mantenendo la proporzione tra altezza e larghezza.

Andiamo al primo fotogramma e impostiamo un keyframe (fotogramma chiave) sul parametro “position” (clicchiamo sull’icona a forma di cronometro a sinistra della scritta “position”)

Spostiamo l’immagine in modo che l’inizio del primo fotogramma coincida con il margine superiore del nostro progetto e assicuriamoci che né in alto né in basso si veda la banda nera.

Se la vedete basta togliere qualche pixel in altezza al progetto (ad es. 1280×435 ecc…) . Se invece volete includere le barre basterà aumentare il numero di pixel in altezza. Per fare ciò andiamo in alto sul menù “Composition” e clicchiamo su “Composition settings”.

Ora che il primo frame è al suo posto basta fare un rapido calcolo. Poniamo di aver impostato il progetto a 4 fps. La nostra striscia è composta da 24 fps. Andiamo al 24esimo fotogramma (ricordiamoci di contare partendo dal fotogramma 0 quindi il keyframe andrà impostato al 5":03f). A questo punto trasciniamo in alto l’immagine fino ad arrivare all’ultimo fotogramma e centriamolo. After Effects creerà automaticamente un nuovo fotogramma chiave. (Tip: nello spostamento verticale ricordarsi di mantenere fissa la posizione orizzontale dell’immagine premendo il tasto SHIFT dopo aver cliccato sull’immagine e poi trascinare sopra o sotto a seconda delle necessità).

Il gioco è fatto! Basta andare al primo fotogramma, premere play ed ecco che la nostra sequenza è animata! Per ogni striscia acquisita ripetiamo l’intero procedimento ed in pochi minuti, una volta presa confidenza col metodo, daremo vita ai nostri filmati senza perdere troppo tempo! :)

Questo procedimento è valido per qualsiasi impostazione di frames per second che sceglierete. Un esempio. Se volete lavorare a 6fps basterà calcolare chè il 24esimo fotogramma sarà esattamente a 3:05f.

Troubleshooting:

1) Se nel visualizzare il filmato vedete le bande nere scorrere vuol dire che avete sbagliato nel calcolare la posizione temporale dell’ultimo frame. Spostatelo in avanti o indietro finché non troverete la posizione esatta.

2) Se nella parte superiore o inferiore del vostro filmato fanno capolino, talvolta le barre nere, provate a centrare meglio il primo fotogramma e l’ultimo. Se il problema persiste ritagliate di qualche pixel l’altezza del progetto oppure scalate l’immagine di qualche punto percentuale.

Finito! Adesso possiamo esportare il filmato nel formato desiderato! Dal menù “Composition” clicchiamo su “Make movie”.

Poi andiamo in basso e modifichiamo le impostazioni di esportazione facendo click su “Output mode” e selezionando, nella tabella che si aprirà, la voce “Format options”.

Scegliamo il nostro codec video preferito, io utilizzo la compressione H264.

Ed infine, prima di premere su “Render”, impostiamo il percorso di salvataggio ed il nome del file cliccando su “Output to” , alla destra di “Output mode”.

Un ultimo click su “Render” ed il gioco è fatto!

Ecco il video con tutti i passaggi nel dettaglio.

How to edit LomoKino footage in After Effects from StratoStudios on Vimeo.

Grazie a tutti e spero che questo metodo possa farvi risparmiare tempo prezioso!!! :))

written by stratopazzostrato on 2012-01-25 #gear #tutorials #tutorial #tipster #select-type-of-tipster #select-what-this-tipster-is-about #tutorial-lomokino-movie-edit-montaggio-after-effects

Kickstarter

Bringing an iconic aesthetic to square format instant photography, the Diana Instant Square fills frames with strong, saturated colors and rich, moody vignetting. Built to let your inspiration run wild, our latest innovation features a Multiple Exposure Mode, a Bulb Mode for long exposures, a hot shoe adapter and so much more! It’s even compatible with all of the lenses created for the Diana F+ so that you can shake up your perspective anytime, anywhere. No two shots will ever be the same. Back us on Kickstarter now!

More Interesting Articles