La mia prima macchina fotografica

Ve la presento si chiama Olympic ed è della Closter, non so molto su di lei ma è stato amore a prima vista

Su internet ho capito che è nata intorno al 1960, all’epoca era molto economica e versatile perché non richiedeva grandi capacità da “fotografo” quindi era semplice da usare.

Questo “tripudio di modernità” (per l’epoca) ha il corpo macchina in metallo ma, si dice, abbia una linea molto più futuristica rispetto alle macchine che c’erano in commercio.

Le caratteristiche principali sono:
- obiettivo con focale di 55mm
- diaframma con apertura variabile tra f/8 e f/16
- otturatore a battente con tempo di scatto singolo e posa B, che non richiede il caricamento ed è sempre in posizione di scatto
- inquadratura con mirino galileiano
- messa a fuoco su scala metrica mediante rotazione della ghiera dell’obiettivo
- slitta e contatto per il flash.

Di più non ho trovato molto se non le varianti di colore: azzurro (carta da zucchero), e nero: io ne ho una nera.
Difetti???… Sì uno: monta pellicole 127mm che sono particolarmente introvabili qui in Italia.

A breve il mio primo rullino!!

written by lomodavide on 2011-10-25 #gear #review #analogue-lifestyle #127mm #olympic-closter #vintage-camera

More Interesting Articles