The Hell With Perfection — Freedom for Photography!

La mia esperienza con un artista del Photoshooting

Vi presento l’autore Thomas Bachler (Detmold,1961) e la sua opera “Scene del crimine”, in cui spara una sventagliata alla macchina fotografica ed in tre minuti di esposizione ti scatta un ritratto.

Grazie ad un gruppo di facebook “La cultura non vale un capo di bestiame” (informano di tutte le attività culturali fruite gratuitamente, esposizioni, concerti, recite…nella provincia di Barcellona e nel resto delle province catalane) ho scoperto che annunciavano un’esposizione di fotografia scattata con macchina fotografica stenopeica con una tecnica piuttosto speciale.

Questo uomo crea con le proprie mani una macchina fotografica stenopeica, composta da un cubo di legno con un coperchio assicurato da quattro viti, la carta fotografica sulla quale si imprime la foto ed un rettangolo di carta velina che deve riparare aggiungendogli un sigillo nero in ogni scatto. Attraverso il buco provocato dallo scatto entra la luce necessaria per catturare l’immagine.

L’esposizione è composta da 19 istantanee, si fa un percorso attraverso dei luoghi quotidiani abituali che possono essere stati, o no, scena di un crimine. Garages, parchi, porte esterne.

L’esposizione era installata all’Espai Cultural Obra social de Caja Madrid nel centro di Barcellona, in Plaça Catalunya. Bisognava telefonare per concordare l’orario di ingresso (15 minuti a persona) e questo ho fatto. Mi sono presentato il giorno e l’ora accordati, un pò prima per poter vedere l’esposizione ed ho letto la piccola brochure fino a che non è toccato il mio turno di ingresso.

Per colpa del mio pessimo inglese non ho potuto parlare nè commentare lungamente con l’autore; mi sono dovuto adattare con “yes”, “good” e “of course” (sono questi i momenti in cui uno si pente di aver marinato la scuola).

Thomas Bachler mi disse che non mi avrebbe spaventata con l’arma ed in effetti quando la vidi non mi sentii molto a mio agio; e quando sei pronta per la foto e questa spara è inevitabile fare un piccolo salto dopo che senti gli spari a lato delle orecchie.

Thomas si preparava a scattare ed io rimanevo seduta sulla sedia senza muovermi, il più calma possibile, per un’esposizione lunga circa 3 minuti. Passati i tre minuti Thomas ti invita ad entrare in un laboratorio improvvisato in una stanzetta della sala delle esposizioni, toglie la lastra dalla cassa, ti spiega che la foto è bucata perchè la sventagliata trapassa la carta fotografica, la passa attraverso i liquidi ed ecco fatto! Ecco che spunto io!! Incredibile!

Thomas scatta una foto con la sua macchina digitale, la firma dietro e te la regala. Me la vado ad incorniciare!
Sono rimasta stupita per la tecnica impiegata, entrare nella stanzetta e vedere dal vivo come l’immagine spunti fuori dal nulla.

written by maryona on 2011-10-14 #lifestyle #bianco-e-nero #photoshooting #esposizione #macchina-fotografica #attivita #thomas-bachler #macchina-fotografica-stenopeica
translated by dalairona

More Interesting Articles