This is your last chance to pre-order your Petzval Lens and get the special aperture plates included for free! With estimated delivery in August (or even sooner), don’t miss out on securing your picture perfect portrait lens!

Have an account? Login | New to Lomography? Register | Lab | Current Site:

Le dieci regole da infrangere nella composizione fotografica

Regola 10 della lomografia: Non preoccuparti delle regole. Perchè? Beh, scoprilo leggendo questi semplici spunti che stimoleranno la tua creatività andando oltre le regole accademiche della composizione.

Regola 10 della lomografia: Non preoccuparti delle regole. Forse, prima dei lomografi, queste cose le pensava già il grande fotografo di Life Andreas Feininger nel suo libro “Principi di composizione”.

Ecco qui alcuni suoi spunti:

Secondo Feininger, anche in fotografia, le poche regole compositive accettabili sono solo dei punti di riferimento, che possono avere eccezioni valide. Talvonta infrangere le regole è un mezzo per ottenere una bella fotografia. Purchè ovviamente il fotografo sia consapevole di cosa sta facendo.

Ecco allora come Feininger, nel suo libro, smonta molte regole accademiche:

1) La sezione aurea (e, aggiungo io, la regola dei terzi, cioè porre il soggetto a 1/3 da un bordo della foto), pur assicurando serenità ed armonia, può portare a risultati noiosi.

2) Anche la curva ad “S” è uno dei più triti clichè fotografici

3) La teoria delle “linee guida”, che conducono l’occhio dello spettatore verso il soggetto principale, è falsa, come dimostrato da studi scientifici. L’occhio individua subito la parte più interessante della foto. E poi, non è detto che il centro di interesse del fotografo coincida con quello dell’osservatore.

4) Le discussioni su composizioni basate su triangoli, diagonali contrapposte ed altre raffinate figure geometriche esistono solo nella mente dei fotografi che le hanno inventate. L’osservatore scevro da preconcetti accademici, non nota simili accorgimenti.

5) L’ orizzonte non dovrebbe mai dividere in due la foto, per evitare un effetto monotono. Ma se un fotografo volesse proprio rendere l’idea della monotonia?

Foto di sirio174

6) Movimento e azione dovrebbero sempre procedere da sinistra a destra, secondo il senso normale della lettura. Falso, oltretutto ebrei e arabi leggono in senso inverso.

7) Lo spazio davanti al soggetto dovrebbe essere maggiore di quello alle sue spalle. Non è sempre vero: ad esempio una persona che corre, posta verso il margine della foto nella direzione in cui si muove, dà il senso dell’arrivo, e ciò è importante quando ad esempio si fotografano gare sportive

Foto di sirio174

8) Nel ritratto, quando il soggetto non guarda la fotocamera, si dovrebbe lasciare più spazio nella direzione del suo sguardo. Falso. Infrangendo questa regola potete dare uno stato di tensione alla foto.

9) Le parti chiare di una foto attirano lo sguardo più di quelle scure. Falso, una forma scura ben delimintata, in una vasta area chiara, attira immediatamente lo sguardo.

10) La ripetizione e la periodicità di elementi simili produce interessanti foto a schema ripetuto. Falso. Non c’è nessun motivo perchè un reticolo o una serie di tanti oggetti uguali e poco interessanti debba essere migliore di un solo oggetto degno di interesse.

Invece, secondo Feininger, ci sono almento tre regole “certe” alle quali il grande fotografo non ha mai trovato eccezioni:

a) Le piccole barre bianche del soggetto o dello sfondo confinanti coi bordi della foto danno l’impressione di una stampa “rosicchiata dai topi”, queste aree andrebbero bruciate (annerite) in camera oscura (o tagliate con un crop)

b) Le linee curve e le forme rotonde non dovrebbero mai essere tangenti ai bordi, ma andrebbero tagliate con coraggio, lasciando fuori dall’immagine una non trascurabile parte della curva

Foto di sirio174

c) Le linee rette non dovrebbero tagliare in diagonale un angolo della foto, ma dovrebbero terminare a una certa distanza dall’angolo

Foto di sirio174

Spero che queste 10 regole da “infrangere”, accompagnate alle note 10 regole lomografiche vi siano di aiuto per la vostra creatività! Buone lomografie a tutti!

Riferimenti:

1) Andreas Feininger – l’occhio del fotografo, ed. Garzanti Vallardi
2) Andreas Feininger – La fotografia, principi di composizione, ed. Garzanti

written by sirio174

5 comments

  1. gia_dada

    gia_dada

    Un articolo davvero interessante; credo però che prima di permettersi di infrangere le "regole" della composizione sia necessario averle interiorizzate profondamente. Non vorrei si sdoganasse il messaggio del "non pensare, scatta (a caso, senza senso)", credo tra l'altro che il tuo articolo non voglia appunto fare questo :), infatti le tue foto dimostrano comunque che si possa non essere puristi della composizione ma avere comunque dei risultati gradevoli per gli occhi :)

    over 2 years ago · report as spam
  2. sirio174

    sirio174

    @gia_dada - infatti non è mia intenzione far passare il messaggio di non pensare... per me prima bisogna pensare, poi, eventualmente scattare. La mia lomografia è piuttosto sobria...

    over 2 years ago · report as spam
  3. gia_dada

    gia_dada

    @sirio174 Ho notato, complimenti ancora per le tue foto :)

    over 2 years ago · report as spam
  4. lo-re-n-zo

    due libri inestimabili che qualsiasi appassionato di fotografia dovrebbe leggere e rileggere!
    over 2 years ago · report as spam
  5. lavale1974

    lavale1974

    ... come da tuo consiglio... li sto cercando!!!

    over 1 year ago · report as spam

Read this article in another language

This is the original article written in: Italiano. It is also available in: English, Nederlands, Deutsch, Русский, 한국어 & 中文(繁體版).