The World’s Most Creative Instant Camera: Now Available For Pre-Order

Header
Have an account? Login | New to Lomography? Register | Lab | Current Site:

Te l'ho scritto sulla pietra...

... così tu potrai leggerlo, anche tra mille anni! Probabilmente non era questa l'intenzione della comunità dei Camuni, che ci ha lasciato delle splendide incisioni rupestri nel parco di Capo di Ponte, patrimonio mondiale dell'umanità dell'UNESCO, ma in ogni caso desidero condividere qui con voi alcune foto di questi importanti reperti!

Come ben sapete amo fotografare la vita nei parchi cittadini, perchè mi piace condividere e divulgare momenti di serenità in un mondo troppo spesso circondato da immagini di violenza o di guerra. Anche questa volta vi propongo delle foto di un parco, tuttavia in un contesto completamente differente. Le foto le ho scattate nel Parco delle Incisioni Rupestri della Valle Camonica:

Foto di sirio174

Questo sito, d’importanza mondiale, è stato il primo riconosciuto dall’Unesco per l’Italia sin dal 1979. Esso ospita centinaia di migliaia di figure disegnate su oltre duemila rocce, con una concentrazione particolare nella località di Capo di Ponte.

Foto di sirio174

Le più antiche risalgono all’ottavo millennio prima di Cristo, mentre le più recenti risalgono all’età del ferro, ovvero al primo millennio prima di Cristo.

Foto di sirio174

Questi reperti costituiscono una delle pochissime tracce del popolo del Camuni, che da il nome all’omonima valle, di cui si hanno poche e oscure notizie. Insediatisi in questa zona della Lombardia a Nord del Lago di Iseo, sono ricordati nella storiografia classica a partire dal primo secolo A.C.

Le figure più interessanti sono quelle antropomorfe o zoomorfe, con illustrazioni di battute di caccia o di lotta, e si presentano a volte sovrapposte o rappresentate in maniera disordinata, senza una logica apparente.

Le prime scoperte risalgono al 1909, quando l’alpinista Walther Laeng segnalò la presenza di due massi incisi. Tuttavia, solo a partire dalla fine degli anni ‘20, per iniziativa di archeologi, antropologi e geologi ci fu un autentico interesse per questi massi, che portarono a successive scoperte. L’UNESCO ha catalogato 140.000 incisioni, tuttavia recenti scoperte portano il numero totale ben oltre le trecentomila.

Foto di sirio174

Per arrivare a Capo di Ponte dall’autostrada Milano – Venezia vi consiglio di uscire a Palazzolo, proseguire per Lovere e Boario lungo la strada SS42 in direzione di Edolo.

Queste foto sono state scattate negli anni ‘90 con la mia fedele Praktica LB che mi ha accompagnato in tantissimi viaggi in Italia e all’estero, e sono state digitalizzate di recente.

written by sirio174

1 comment

  1. smara

    smara

    Bellissimo.

    about 1 year ago · report as spam

Where is this?

Nearby popular photos – see more