This is your last chance to pre-order your Petzval Lens and get the special aperture plates included for free! With estimated delivery in August (or even sooner), don’t miss out on securing your picture perfect portrait lens!

Have an account? Login | New to Lomography? Register | Lab | Current Site:

L' Istituto di Cultura Giapponese a Roma. Respirare l'Estremo Oriente

Quando penso al Giappone non riesco ad immaginare alla felicità che proverò nel realizzare il mio sogno. Si offusca tutto della quotidianità e in un attimo corro a vedere le foto degli altri lomografi giapponesi o di chi c'è già stato...quasi mi dimentico che c'è un posto a Roma in cui il Giappone si respira a pieni polmoni: l' Istituto Giapponese di Cultura.

Che immagine abbiamo noi del Giappone moderno? A cosa pensiamo quando sentiamo parlare di questo paese? Al suo meraviglioso sushi? Ai meravigliosi attimi di riflessione che ci offrono scrittori come Banana Yoshimoto e Haruki Murakami? Agli anime famosi che abbiamo visto da bambini? Oppure a quel 11 marzo 2011, quando tutto si è fermato per un attimo? Beh, io penso a tutto questo e a molto di più: ai suoi tatuaggi, ai suoi paesaggi e soprattutto alla sua meravigliosa cultura.
Desidero visitare il Giappone da bambina e quando sento davvero il bisogno di mettermi in contatto con questo meraviglioso paese cerco di andare all’Istituto Giapponese di Cultura.

Si trova in via Gramsci 74, nel Parco dei Musei, situato in uno dei quartieri più in della capitale affiancato da molti altri Istituti Culturali stranieri e a pochi passi dalla GNAM (Galleria Nazionale d’Arte Moderna), dalla Facoltà di Architettura, dal Museo Etrusco di Villa Giulia e dalla Galleria Borghese (concentrazione che forse si deve grazie all’Esposizione Internazionale di Arte che si tenne nel 1911).
L’Istituto venne inaugurato il 12 dicembre del 1962 con uno spettacolo di danza Kabuki, anche se l’accordo tra Giappone e Italia risale addirittura a prima della Seconda Guerra Mondiale. La direzione era stata affidata dapprima al Ministero Degli Affari Esteri, poi è passata, nel 1972 alla Japan Foundation, una fondazione indipendente.

Lo scopo dell’Istituto, così come suggerisce il nome, è quello di diffondere la Cultura del Sol Levante in Italia e in Europa. Questo è quello che possiamo trovare all’Interno della struttura:
- Corsi di Lingua Giapponese suddivisi in 4 anni di apprendimento e corsi di conversazione;
- La Biblioteca con più di 32 mila volumi, riviste, tesi e film e microfilm che raccolgono documentari e musica;
- La Cineteca che custodisce 140 film in lingua originale con i sottotitoli.

Ma che cos’è che rende l’Istituto davvero speciale? L’edificio è stato progettato dall’architetto Yoshida Isoya che ha conservato nella realizzazione tutte le caratteristiche del periodo Heian, comprese le porte scorrevoli in carta di riso (Shogi), e il takenoma, il salotto in bambù del primo piano; e il giardino Sen-en (letteralmente “giardino con laghetto”), dell’architetto nipponico Ken Nakajima ornato di ponti, laghetti, fiori di ciliegio e la lanterne in pietra. Il giardino ha degli orari ben precisi per essere visitato quindi contattate l’Istituto per avere ulteriori informazioni.

Istituto Giapponese di Cultura – Via Antonio Gramsci, 74, Roma
scuola
info.

Foto e info sono qui

written by ophelia

2 comments

  1. sirio174

    sirio174

    che bel parco!

    over 2 years ago · report as spam
  2. ponz

    ponz

    il link finale(quello che dice qui) è un badlink...

    over 2 years ago · report as spam

Where is this?

Nearby popular photos – see more

Nearby LomoLocations