Petzval_header_october_2014
Have an account? Login | New to Lomography? Register | Lab | Current Site:

Canoscan 9000f (little review) e qualche dubbio (dibattito aperto)

Ho fatto un acquisto (Canoscan 9000f), gran bel prodotto, consigliato... ma è nato qualche dubbio, qualche curiosità...

Chi si avvicina con passione ed interesse al mondo analogico, e non ha la fortuna, come il sottoscritto, di poter sviluppare in casa, deve pensare all’acquisto di uno scanner per negativi (35mm e 120mm.), al fine di risparmiar soldi nello sviluppo da parte di un laboratorio locale che , di nuovo, come nel mio caso, potrebbe solo che far danni.
Non c’ho pensato troppo, e dopo una breve ricerca su internet ho optato per il canonscan 9000f
Davvero una bel prodotto: la sensazione è di solidità (un pò ingombrante, ma la cosa è relativa), la lampada si scalda molto velocemente e non ci sono tempi di attesa per avere la macchina pronta.
Ci sono a disposizione tre tipi di mascherine: per il 120mm, per le diapositive e per il 35 mm. (anche se nascondono gli sprocket). Dovevo ancora caricare sul sito lomo le ultime foto sviluppate in laboratorio così ne ho approfittato per una prova: la velocità di scansione delle foto è impressionante. Non mi dilungo sulla velocità per i negativi che è comunque notevole (non ho perso tempo a cronometrarli).
Sicuramente un prodotto che consiglierei vivamente. Ma il nocciolo del discorso è un altro: chi abbraccia la filosofia lomografica sa che non deve ritoccare digitalmente la foto.
Ora come potrete vedere, mi son trovato davanti a situazioni che mi lasciano dubbi sul come agire (vorrei poter rimanere coerente con la filosofia che ho abbracciato), e mi danno certezze, più o meno, sul come si comportano i laboratori fotografici.
Le prime tre foto sono: scansionata la foto (i colori sono bellissimi e brillanti, è un piacere per gli occhi, tant’è che non credevo di aver fatto io la foto), scansionato il negativo (i colori sono palliducci) e scansione del negativo e provato un pò di ritocco tramite le impostazioni della stampante (mi sono avvicinato molto al risultato della foto stampata dal laboratorio…quindi la domanda è: il laboratorio ritocca? addirittura così tanto? o è grazie a macchinari industriali che ottengono senza ritocco digitale un risultato su foto così bello??)

Stesso esempio per le successive tre foto (le mura di Ferrara): la prima scansione del negativo con impostazioni dello scanner di default (si nota una forte dominante azzurra), la seconda sempre da negativo con una prova di ritocco dei colori, la terza scansionando la foto.

Anche quest’ultima foto che vi propongo è presa da negativo senza toccare le impostazioni di default (sempre questa dominante azzurra).

Foto di tyron_lannister

Ho fatto tutte le mie prove del caso, e sono contento da matti dell’acquisto fatto, ma a volte mi trovo ad aver dubbi sul come comportarmi quando ottengo risultati del genere…voi allora cosa pensate? come vi comportate?
Un ultimo aiutino per favore…nel video che segue (perdoante ma non sono ancora bravissimo a linkare) spiega in modo chiaro come scansionare negativi con la canoscan 8800 (ma cambia poco niente dal 9000f) senza mascherina, quindi visualizzando anche gli sprocket. Il mio inglese è claudicante, qualcuno mi saprebbe spiegare che cosa sono, o come ha ottenuto le due righe orizzontali che si vedono nel negativo in basso sul primo scatto (minuto 2:50 circa)? Sembra siano utili al fine di tenere il negativo perfettamente verticale e diritto.

http://www.youtube.com/watch?v=DeZcHlufv9s

Attendo vostre opinioni, commenti, dubbi, curiosità!
S.

written by tyron_lannister

3 comments

  1. biondapiccola

    biondapiccola

    Bella recensione! :)
    Io ho il canoscan 8800F e qui ho spiegato come faccio a scansionare gli sprocket:

    http://holgamydear.w(…)i-che-fare/

    Per quanto riguarda l'acquisizione e l'eventuale modifica in post-produzione con PS, io semplicemente faccio "tono automatico" per togliere le dominanti azzurrine o verdognole. Alcune volte mi capita di croppare l'immagine se la composizione non mi soddisfa. Ci sono delle altre volte, invece, in cui mi piace semplicemente così come è, con tutti i difetti dello scanner.

    Il punto, secondo me, è non esagerare, ma la fotografia analogica "digitalizzata" non è mai 100% originale. Quello che ci compare davanti allo schermo, non è la nostra fotografia, ma la nostra fotografia acquisita con uno scanner. E' normale che ci siano dominanti. L'importante è non esagerare aumentando contrasti e pompando i colori, tutto qui. Ma correggere la dominante non vuol dire "barare" nei confronti della fotografia analogica in generale e della lomografia in particolare. Se ci si pensa, anche in Camera Oscura, quando si stampa con l'ingranditore si fa una specie di "post produzione" attraverso le tecniche della mascheratura, della bruciatura, ecc ... si può croppare l'immagine anche, oppure mettere filtri e correggere l'esposizione! :)

    ps: dal video non ho capito quasi niente XD se non che lo scanner usato è un 8400 e che il tipo ha un mac, per cui non so dirti. Io, come software di acquisizione, uso il Photostudio 5.5, che è un programmino schifoso ma funzionale. Con un po' di tentativi, alla fine sono riuscita a scansionare gli sprocket ... bisogna fare un po' di prove! :) Mi sono dilungata troppo?? Sì.

    about 3 years ago · report as spam
  2. khy

    khy

    Beati voi che riuscite a scansionare con gli sprocket! Io ho un canon 700f, che miracolosamente fa venire dei bei colori sia alle foto che ai negativi scansionati, l'unica pecca è che nonostante la mascherina non copra gli sprocket, il programma Canon taglia l'immagine in automatico. Ho provato ad acquisire l'immagine del negativo con VueScan, ma non ho idea di quali procedimenti seguire con Photoshop e similari per passare l'immagine in positivo. Possibile che l'unica soluzione per me sia buttare il 700f e comprarne uno più costoso con la mascherina per i 120 di modo da scansionare i 35 con gli sprocket? Sob.
    about 3 years ago · report as spam
  3. recstop

    recstop

    Anch'io possiedo il 9000f. Per ottenere dei risultati "credibili" (consideriamo che si tratta di acquisizione digitale che quindi in ogni caso influisce sui reali colori) si deve bilanciare il colore su ogni singolo scatto. Se hai scattato una foto con forte dominante e poi scansisci altro scatto differente senza ribilanciare, allora subentrano dominanti esterne ai reali colori della foto. Questo è normale trattandosi di macchinario che deve bilanciare i colori. Tutto sommato, ho notato che alcune foto scannarizzate dal laboratorio mancavano di colori (ben visibili sul negativo) che, al contrario, il Canoscan 9000f riconosceva pienamente. Credo che quindi lo scarto tra foto del laboratorio e quella scannarizzata a casa sia dovuto a processi automatici del primo.

    about 3 years ago · report as spam