Likes

  • #13188486

    shared by avifloydcohen on 2011-04-30

  • #12635666

    shared by gatokinetik-o on 2011-02-16

  • garden

    shared by werriston on 2011-04-14

    Test roll of Impossible's wonderful new PX 680 Beta film made available to Pioneers. Loving this film already.

    3
  • #13176607

    shared by atria007 on 2011-04-28

    4
  • #13174281

    shared by zoezo on 2011-04-28

    These photos have been taken by Mephisto in the Netherlands and me in the UK

  • #12805783

    shared by juditto on 2011-03-16

    iso setting: 400, aperture: 5.6, lab's usual scanner

    2
  • #12605658

    shared by juditto on 2011-02-11

    LC-A, Elitechrome 400 iso (expired).

    2
  • #11574051

    shared by paper_doll on 2010-07-18

    pavement live @ brixton academy

    7
  • #246343

    shared by jonathanend on 2009-03-08

  • #246338

    shared by jonathanend on 2009-03-08

    2
  • #12843600

    shared by great_beyond on 2011-03-21

  • #12178535

    shared by this on 2010-11-24

  • #12178633

    shared by this on 2010-11-24

  • #12178637

    shared by this on 2010-11-24

  • #13095356

    shared by peachyfeast on 2011-04-18

  • #13095365

    shared by peachyfeast on 2011-04-18

  • #13094600

    shared by peachyfeast on 2011-04-18

  • #13094624

    shared by peachyfeast on 2011-04-18

  • destination: procreation

    shared by myloveletter on 2011-04-15

    in a water world of red dreams and expectant schemes

    8
  • #295969

    shared by sanapsara on 2009-04-19

  • Double Tree

    shared by lfuentesp on 2009-04-25

    1
  • #129435

    shared by migueld on 2008-12-27

    1
  • #11050515

    shared by nural on 2010-02-21

    1
  • sarah_01

    shared by werriston on 2011-04-14

    First pack of Instax with my new LC-A Instant Back. This LC-A is an original Kompakt Automat I bought from Lithuania - it hasn't even been refurbished. Took a bit of cursing and fiddling to get the back attached, but it was well worth the effort. Loving the vignetting.

    2
  • X-Pro in the Yashica

    shared by myahcat on 2011-04-14

    Time to fix my Yashica FRi

  • X-Pro in the Yashica

    shared by myahcat on 2011-04-14

    Time to fix my Yashica FRi

  • #13062834

    shared by atria007 on 2011-04-14

    1
  • Rocky hand

    shared by natalieerachel on 2011-03-17

    First cross processed roll!

    38
  • #13030061

    shared by antibiotyx on 2011-04-10

    1
  • #12383735

    shared by jeffro200181 on 2011-01-05

  • #12978505

    shared by lakandula on 2011-04-02

    I participated in a gathering of social activists that happened last Thursday in front of the Japan Embassy to express solidarity with the Japanese people in time of crisis and threat of further nuclear disaster. Aside from lighting candles and offering of flowers, some held placards bearing the statement "We All Live In Fukushima" which underscores the fact that we all live in one planet and whatever crisis happens in one part of the earth will definitely impact elsewhere. Hoping that the crisis in Japan will soon be resolved and lives will be restored to normalcy.

  • #12968101

    shared by webo29 on 2011-03-31

  • Pagoda

    shared by myahcat on 2010-07-23

    1
  • Richmond Park

    shared by myahcat on 2010-07-23

  • #12714769

    shared by peachyfeast on 2011-03-01

    1
  • #12714770

    shared by peachyfeast on 2011-03-01

    1
  • #12239290

    shared by sovulia on 2010-12-06

  • #12239326

    shared by sovulia on 2010-12-06

  • #12652565

    shared by zoezo on 2011-02-20

    17
  • #11711566

    shared by beths on 2010-08-20

    6
  • #6111658

    shared by colorarmedcoin on 2009-10-13

    2
  • club

    shared by la0da on 2010-03-10

  • #11225042

    shared by violet_rayy on 2010-04-16

  • #11192906

    shared by blue-dog on 2010-04-07

    1
  • #6247054

    shared by catarella on 2009-12-11

  • but not tonight (bologna07)

    shared by juri_kid_a on 2011-02-20

    Siccome era la prima volta in quel di Bologna non mi sono fatto mancare nulla. Quindi ecco una vista della città dall'alto presa dalla sommità della torre degli Asinelli. Quindi sì, ho provato l'ebrezza di salire a quota 97 metri e di fare i non mi ricordo quanti scalini rischiando l'infarto in fase di salita e la morte per scivolamento in fare di discesa. Come se non bastasse, poi, non è che questa mazzata ce la siamo fatti, chessò, a metà mattina o prima di pranzo, quando si poteva essere ben leggeri e disposti all'attività fisica. No, certo che no. Sarebbe stato troppo facile. Infatti l'abbiamo fatta dopo circa dieci minuti dall'uscita del ristorante. Con la pancia piena e la digestione in atto. Santo cielo che mazzata. Quando sono arrivato su credo che la lingua toccasse terra. Quanto fiatone avevo. Che fatica. Cosa non si fa per due foto da una prospettiva un po' diversa. Vabbè, ma patimenti fisici a parte quella di salire per vedere i posti un po' dall'alto è una cosa che mi piace fare molto. È bello poter avere un punto di vista un po' diverso, poter vedere le strade, gli isolati, gli ingombri urbani dall'alto: è una differente percezione della città. Di Bologna possiamo quindi dire che il centro storico è una selva, una cortina urbana nervosa e frammentata, quasi claustrofobica, sembra una sorta di Tetris dove ogni pezzetto s'incastra magicamente coi vicini per creare un'unità, una struttura, un tessuto. Poi ci mette del suo anche la Diana Mini che concentra la luce al centro ma ovattando tutta la composizione. Penso che questa foto renda bene l'atmosfera che ho sentito a Bologna. Mi ci riconosco in questa compattezza morbida e avvolgente. Il tutto condito da una giornata in bianco e nero che più a pennello non ci poteva stare. Poi, scesi dalla torre, abbiamo camminato per un altro po'. Ci siamo seduti in un bar di via San Vitale per rilassarci prima di tornare verso la stazione. Lì ho mangiato dei dolcetti siciliani al pistacchio davvero buoni. Dopo tutta quella fatica devo dire che sono stato ottimamente ricompensato.

  • le ragioni delle piogge (lugano03)

    shared by juri_kid_a on 2011-01-04

    Vicino casa mia c'è un negozio che vende articoli per il fai da te. Davanti a questo negozio, sulla strada, di giorno, viene piazzato un imponente pupazzone ad aria raffigurante un allegro carpentiere bifronte. Così da qualunque senso s'arrivi, c'è sempre questo allegro e cicciotto carpentiere che ne ne sta lì, col suo sorriso e il suo pollice alzato in segno di ok. Il bambolo gonfiabile in questione non c'è la mattina quando esco di casa e il negozio è ancora chiuso, lo portano fuori, sgonfio, con un carrello e con il suo compressorino che lo tiene su, insufflando continuamente aria dall'esterno. Qualche volta, quando torno la sera, mi è capitato di vederlo così, riposto sul carrello, ne più ne meno di un canotto alla fine delle vacanze. Ma l'altra sera il caso ha voluto che io arrivassi proprio nel momento in cui il commesso spegneva il compressore. In pochi attimi, il rubizzo carpentiere si è afflosciato su se stesso. Collassando e cadendo mollemente, senza più quel soffio vitale che lo sosteneva. Ora un simpatico Giano con un caschetto da cantiere; adesso un ammasso di gomma ripiegato miseramente. In quei cinque secondi in cui egli si sgonfiava, io ho provato tanta pena.

  • rv (bologna04)

    shared by juri_kid_a on 2011-02-16

    Non so se ve ne siete accorti, ma io posto solo fotografie di paesaggi. Più o meno urbani, più o meno pittorici, ma sempre paesaggi sono. Non metto foto di ritratti (al massimo un auto ritratto fatto a Illustrator), perché non ne faccio. Faccio foto di paesaggi perché ho la sindrome dell'album fotografico. A casa mia, dentro un mobile, c'è una scatola con dentro tre o quattro album e piena zeppa di quei raccoglitori di foto, tutti di plastica con dentro le tasche trasparenti che ti danno i fotografi quando porti i rullini a stampare. Lì dentro ci sono un sacco di foto del mare (perché la macchina fotografica mia madre la tirava fuori praticamente solo lì), e, negli album, le foto di quando ero piccolo. Poi, crescendo, abbiamo perso questa abitudine di fare il “rullino del mare”. Ci sono anche le foto delle feste di compleanno delle elementari e le foto di gruppo di scuola. Poi, in “eleganti” portafoto di cartoncino troviamo le foto che mi facevano fare col vestito di carnevale: si andava dal fotografo vicino casa di mia nonna e si facevano le foto in studio... immaginate voi una sorta di Sandokan, ma più elegante, in blu. Con gilet sempre blu e sul turbante una gemma da cui parte una pennetta bianca nell'atto di sguainare la sciabola dalla cintura. Il tutto condito con uno sguardo da “verso l'infinito e oltre” e dei baffetti alla Dalì che mi disegnò mia zia con la matita per gli occhi. Vabbè, basta divagare. Il bello di sfogliare questi album, cosa che ho fatto non so quante volte, non stava tanto nel vedermi da piccolo o nel riconoscere persone che sono stati amichetti di una sola estate e poi sono spariti. Il mio vero piacere era di guardare i luoghi dove le foto erano state scattate. Di guardare i dettagli, di capire come quei posti (che ciclicamente o quotidianamente mi ritrovavo o mi ritrovo a frequentare) sono cambiati nel corso del tempo. Ecco quindi piazza Brescia a Jesolo con la sua fontana che negli anni '80 aveva zampilli laterali che ora non ci sono più (e forse sparirà, con mio sommo rammarico la fontana stessa); ecco sempre a Jesolo gli ombrelloni di legno piantati direttamente nella sabbia; o la mia camera che un tempo aveva l'armadio e aveva la scrivania dove ora ho il computer. Per me fare foto di paesaggi è una sorta di “deformazione da utente fotografico”. Mi interessa fissare un attimo in un determinato giorno di un determinato anno. A testimonianza di cos'era quel luogo in quel momento. Perché così, tra dieci anni quando riguarderò le mie foto di adesso potrò rendermi conto di come, a volte impercettibilmente, a volte più pesantemente, è cambiato un luogo. Non mi interessa poi “giudicare” il cambiamento: io mi sento solo osservatore. Prendo atto che quel luogo una volta era in un modo e adesso è diverso. Voglio che le mie foto diventino testimonianze del tempo che passa, del tempo che trasforma i luoghi. I luoghi non invecchiano alla maniera degli esseri viventi, i luoghi semplicemente cambiano, mutano. I luoghi non hanno età, il tempo e gli eventi li trasformano, li evolvono, in qualche modo. Ecco, potendo scegliere, vorrei essere considerato un fotografo della trasformazione, dell'evoluzione. Vorrei essere considerato come un fotografo che si limita a fermare piccolissimi pezzetti di tempo e di spazio su un pezzo di pellicola. Mi accontenterei di questo.

    1
  • #12646105

    shared by peachyfeast on 2011-02-18

  • #11328017

    shared by shooooter on 2010-05-14

    2